Viaggio in Germania - Le città e regioni più belle
Viaggio in Germania - Le città e regioni più belle

Il "Nido dell'Aquila" sull'Obersalzberg

Tutte le città e regioni della Germania Germania - poltica e società Come sono i tedeschi? La lingua tedesca Vivere e lavorare in Germania La letteratura tedesca La cultura tedesca La musica tedesca La storia della Germania
Condividere su Facebook Condividere su Twitter
Condividere su Facebook Condividere su Twitter

Obersalzberg
Il "Nido dell'Aquila", a 3 km da Berchtesgaden, con il suo meraviglioso panorama alpino.
foto:
Tobi85
Obersalzberg
Il "Nido dell'Aquila", a 3 km da Berchtesgaden, con il suo meraviglioso panorama alpino.
foto:
Tobi85
Articolo di Daniela Brina

Il "Nido dell'Aquila" - per orientarsi meglio:

Carta stradale online di Berchtesgaden (Baviera) Carta stradale online di Berchtesgaden (Baviera) Carta stradale online
di Berchtesgaden (Baviera)

Distanze da Berchtesgaden:

Hotel, pensioni e Bed and Breakfast a Berchtesgaden
Hotel, pensioni e B&B
a Berchtesgaden
Appartamenti di vacanza a Berchtesgaden
Appartamenti di vacanza
a Berchtesgaden
Voli dall'Italia in Germania
Voli dall'Italia
a Monaco di Baviera
Noleggio auto in Germania
Autonoleggio
a Monaco di Baviera
Hotel, pensioni e Bed and Breakfast a Berchtesgaden
Hotel, pensioni e B&B
a Monaco di Baviera
Appartamenti di vacanza a Berchtesgaden
Appartamenti di vacanza
a Monaco di Baviera
Voli dall'Italia in Germania
Voli dall'Italia
a Monaco di Baviera
Noleggio auto in Germania
Autonoleggio
a Monaco di Baviera

L'Obersalzberg e il centro informativo sul nazismo

A 4 km da Berchtesgaden, in una delle zone più suggestive a ridosso delle Alpi, si trova la montagna Obersalzberg con il"Nido dell'Aquila", un chalet di montagna che Hitler scelse come abitazione estiva.

Su questa montagna, particolarmente apprezzato da Adolf Hitler, nel 1933 un rifugio di montagna fu trasformato nella sede meridionale del governo nazista. Tra il 1933 e il 1944 Hitler trascorse qui complessivamente 4 anni. Qui il dittatore e i suoi gerarchi come Hess, Göring, Bormann, Speer e Göbbels, tra uno svago e l’altro, presero alcune delle decisioni più importanti destinate a incidere la storia, come ad esempio l’operazione Barbarossa, ovvero l’invasione dell’Unione Sovietica nel 1941.

Il Berghof (il nome della prestigiosa residenza) fu bombardato dagli alleati nel 1945 e nel 1952 i suoi ruderi furono definitivamente rasi al suolo. In quest’area oggi sorge l'esposizione Dokumentation Obersalzberg, un centro informativo oltre che museo atto a fornire una conoscenza più approfondita su cosa questo edificio fosse e rappresentasse: la vita quotidiana dell’élite nazista, la costruzione del palazzo, l’espropriazione di terreni e case circostanti, insomma un’altra sfaccettatura del Terzo Reich.
Il centro di documentazione sul nazismo del Berghof Il centro di documentazione sul nazismo del Berghof Il centro di documentazione sul nazismo del Berghof.
foto:
Krischan74

Il "Nido dell'Aquila":

Dal centro di documentazione sul Obersalzberg si procede al vicino Kehlsteinhaus (detta anche Nido dell’Aquila), un'estensione del complesso del Berghof. Questo chalet di montagna fu un regalo dei gerarchi nazisti al loro "Führer" per il suo 50esimo compleanno. Il progetto e i lavori di costruzione furono opera di Martin Bormann; un’opera assai dispendiosa. Molti ingegneri e circa un migliaio di persone (per la maggior parte manovalanza) furono ingaggiati per questo piano di lavoro. Fu dapprima costruita l’impervia strada, lunga circa 7 chilometri, che conduceva alla cima del Kehlstein (1.834 metri). La via d’accesso (la "Kehlsteinstrasse") e l'edificio panoramico sulla cima furono portati a termine nel tempo record di 13 mesi. Il percorso letteralmente scavato ai fianchi della montagna approda ad uno spiazzo adibito a parcheggio. Da qui, dopo un dislivello di 700 metri da Obersalzberg, si procede in un tunnel lungo 124 metri che termina al famoso ascensore scavato all’interno della montagna. Questo avveniristico marchingegno (non solo per quell’epoca) è un lussuoso ascensore rivestito in ottone e con sedili in pelle; spazioso e grande, oltre che interamente mantenuto allo stato originale, copre in soli 41 secondi l’ultimo dislivello di un centinaio di metri che giunge allo chalet-fortezza. Fatture degli anni Trenta confermano che la costruzione costò in tutto circa 30 milioni di marchi di allora.

La Kehlsteinhaus è circondata da balconate che permettono una vista meravigliosa sul lago Königssee e sul Watzmann, la seconda cima più alta della Germania (vedi la foto in alto). Questa residenza panoramica fu arredata con mobili pregiatissimi quasi tutti in marmo e legno. Nell’atrio ottagonale si trova il camino in marmo rosso donato da Mussolini ad Hitler.

Hitler non abitò mai al Nido dell’Aquila, né decise di usarlo per scopi militari. L’aria troppo rarefatta dovuta alla notevole altezza fece in modo che vi si recò assai poco. Vi fece solo qualche occasionale visita ufficiale in particolare tra il 1938 e il 1939. Dato certo è che dallo scoppio del secondo conflitto mondiale Hitler non soggiornò più presso la dimora del Kehlstein.

Alla conclusione della guerra fu distrutto il Berghof mentre, dopo diverse trattative tra il presidente della giunta provinciale, il primo ministro della Baviera e gli americani, l’edificio del Kehlsteinhaus fu risparmiato. Fu creata l’associazione Berchtesgadener Land che diede in affitto la residenza all’ufficio del turismo del luogo per amministralo e offrire al pubblico la possibilità di visita. Dal 1960 infatti è possibile recarsi al Nido dell’Aquila. Oggi ospita un rinomato ristorante non solo per la storia che porta con sé, ma anche per gli scenari che offre.

Alcune foto storiche:

L'entrata della residenza del Berghof L'entrata della residenza del Berghof L'entrata della residenza del Berghof in una foto degli anno '30
foto:
Allgemeiner Deutscher Nachrichtendienst Adolf Hitler, la sua amante Eva Braun e i loro cani Adolf Hitler, la sua amante Eva Braun e i loro cani Adolf Hitler, la sua amante Eva Braun e i loro cani (all'inizio degli anni '40) sul Berghof
foto:
BundesarchivAdolf Hitler, Martin Bormann, Hermann Göring e Baldur von Schirach Adolf Hitler, Martin Bormann, Hermann Göring e Baldur von Schirach Alcuni gerarchi nazisti sul Berghof,
da sinistra a destra: Adolf Hitler, Martin Bormann, Hermann Göring e Baldur von Schirach
foto:
Presse- und Informationsamt der Bundesregierung

Informazioni pratici per i visitatori:

Testo: Daniele Brina

Vicino al Nido dell'Aquila si trovano:


Com'è il tempo a Berchtesgaden?
Com'è il tempo
a Berchtesgaden?
Com'è il tempo in Baviera?
Com'è il tempo
in altre città della Baviera?
Com'è il tempo a Berchtesgaden?
Com'è il tempo
a Berchtesgaden?
Com'è il tempo in Baviera?
Il tempo in altre città
della Baviera?

La regione di Baviera La regione di Baviera Tutte le altre pagine
sulla regione di Baviera

Visite guidate, tour, attività:

Altre proposte di
visite guidate, tour e attività

Guide turistiche:

Guide della Germania  Guide della Germania
Guide turistiche
della Germania
Guide di Monaco e della Baviera  Guide di Monaco e della Baviera
Guide turistiche
della Baviera
Guide di Berlino  Guide di Berlino
Guide turistiche
di Berlino

Prodotti tipici della Baviera:

I vestiti tradizionali della Baviera
Vestiti tradizionali
"Dirndl"
I vestiti tradizionali della Baviera
Vestiti tradizionali
"Lederhosen"
Weißwürste
I gustosi
"Weißwürste"
Birra Hofbräu
La famosa birra
"Hofbräu"

Prodotti tipici della Baviera:

I vestiti tradizionali della Baviera
Vestiti tradizionali
"Dirndl"
I vestiti tradizionali della Baviera
Vestiti tradizionali
"Lederhosen"
Weißwürste
I gustosi
"Weißwürste"
Birra Hofbräu
La famosa birra
"Hofbräu"

Potrebbero interessarti anche:

Scrivi un commento...
Finora non ci sono dei commenti.




Copyright, privacy, contatto, cookies