Viaggio in Germania - La storia della Germania
Viaggio in Germania - La storia della Germania

Il memoriale del Muro di Berlino

Tutte le città e regioni della Germania Germania - poltica e società Come sono i tedeschi? La lingua tedesca Vivere e lavorare in Germania La letteratura tedesca La cultura tedesca La musica tedesca La storia della Germania
Condividere su Facebook Condividere su Twitter
Condividere su Facebook Condividere su Twitter

Il memoriale del Muro di Berlino sulla Bernauer Straße
L'entrata del centro di documentazione
foto: Mark Ahsmann
Il memoriale del Muro di Berlino sulla Bernauer Straße
L'entrata del centro di documentazione
foto: Mark Ahsmann
Articolo di Claudia Marchese
Con la costruzione del muro nel 1961, la Bernauer Straße, che si estende tra i quartieri di Wedding e Mitte, divenne uno dei luoghi più emblematici della divisione della città. Oggi è uno dei luoghi della memoria più visitati di Berlino.

La Bernauer Straße acquistò notorietà durante la Guerra Fredda, perchè quì furono costruite numerose gallerie per consentire la fuga dei tedeschi dell‘est verso l‘occidente. Molte foto lungo il memoriale ritraggono le ore più drammatiche della costruzione del Muro su questa strada.

Nel giro di poco tempo il governo della DDR diede l‘ordine di sbarrare le porte e le finestre degli edifici in prossimità del confine, molti inquilini furono trasferiti altrove e l’intera zona venne sottoposta a un regime di controllo capillare e feroce.
Il muro lungo la Bernauer Straße Il muro lungo la Bernauer StraßeLa Bernauer Straße è tristemente famosa anche per la Chiesa della Riconciliazione (al centro della foto), un imponente edificio in mattoni in stile neogotico, che durante la divisione venne inglobato nella “striscia della morte”. Rimase per anni totalmente inaccessibile e nel 1985 il governo della DDR la fece demolire, per „incrementare la sicurezza, l’ordine e la pulizia al confine di Stato con Berlino Ovest“, secondo la versione ufficiale del governo.
foto: autore sconosciuto

La Bernauer Straße tra il 1961 e il 1989:

A partire dall’agosto 1961 il sistema di recinzione fu potenziato grazie ad un elaborato apparato di sbarramenti a più livelli, che venne regolarmente modificato e perfezionato fino al 1989. Il Memoriale sulla BernauerStraße è oggi l‘ unico luogo dove si possa ancora vedere una sezione di questo impianto di sicurezza, soprannominato anche „striscia della morte“. Questo efficientissimo complesso di barriere, impianti di allarme e recinti metallici delimitato da due muri paralleli e sorvegliato giorno e notte, rendeva praticamente impossibile la fuga verso l‘Ovest. I poliziotti di confine, i Volkspolizisten, appostati su torrette di controllo, avevano infatti l´ordine di sparare a vista su chiunque tentasse di attraversare il muro. Il numero delle vittime uccise lungo il confine di Berlino è stato stimato dall‘ istituto di ricerca di storia contemporanea di Potsdam (Zentrum für Zeithistorische Forschung) che ha finora chiarito la sorte di 138 persone fucilate durante la fuga.

Sulla Bernauer Straße all‘angolo con la Ruppiner Straße è stata scattata anche una delle più famose fotografie-icona della Guerra Fredda, quella che ritrae il sottoufficiale diciannovenne Conrad Schumann mentre, approfittando di un momento di distrazione dei sui colleghi, salta il filo spinato e fugge all’ovest. Conrad Schumann fu il primo uomo in divisa ad evadere dal suo stesso regime e quel gesto divenne simbolo di libertà.
Berlino 1961 Berlino 1961 Il 15 agosto 1961, due giorni dopo l'inizio della costruzione del muro di Berlino, sulla Bernauer Straße all‘angolo con la Ruppiner Straße succede questo: il sottoufficiale diciannovenne Conrad Schumann delle forze armate della Germania dell'est approfitta di un momento di distrazione dei sui colleghi, salta il filo spinato e fugge all’ovest.
foto: Rare Historical Photos

Dopo la caduta del muro (1989):

Con la caduta del Muro l‘area sulla quale sorgeva la chiesa fu restituita alla comunità, che decise di erigere una cappella sulle fondamenta della chiesa distrutta. La nuova Cappella della Riconciliazione ha un‘ architettura insolita, si sviluppa in due corpi ovali, collocati l´uno dentro l´altro. L´ovale esterno ricoperto di lamelle di legno, proietta verso l´interno suggestivi giochi di luce, mentre l´ovale interno, costruito con argilla compressa, dona alla struttura un fascino semplice ed intimo.

Questo progetto fu approvato a metà degli anni ’90, quando fu indetto un concorso per la costruzione di un memoriale alle vittime del muro nella zona della Bernauer Straße, lungo la linea del confine.

Il Memoriale del Muro di Berlino (Die Gedenkstätte an der Berliner Mauer) è stato aperto al pubblico nel 1998. Il 9 novembre 1999, in occasione del decimo anno dalla caduta del Muro, il complesso del Memoriale fu integrato dall’apertura del centro di documentazione sul Muro, mentre un anno più tardi fu inaugurata la nuova Cappella della Riconciliazione. Questi tre elementi propongono un avvicinamento alla storia della divisione della città secondo prospettive diverse: artistica, documentaristica e spirituale.

Dal 2009 è aperto anche il Centro Visitatori, che offre informazioni per orientarsi nel vasto complesso del Memoriale; da qui si accede ad una torretta per una vista sulla striscia della morte. Dal Centro Visitatori si è al centro di una mostra a cielo aperto lunga 1,4 km con approfondimenti sulla storia del Muro e testimonianze degli eventi drammatici della Bernauer Straße. Un elemento molto importante della mostra è la Finestra della Memoria sul terreno dell’ex cimitero Sophien-Friedhof, dove sono esposte le foto delle vittime.

Il Memoriale della Bernauer Straße è oggi uno dei luoghi più emblematici della capitale, dove il visitatore potrà vivere da vicino i luoghi della storia e i racconti privati di coloro che si trovarono costretti a conviverci. La storia della Bernauer Straße mostra infatti in maniera esemplare i tragici risvolti umani della divisione: la limitazione dello spazio e delle libertà personali, il controllo maniacale degli spostamenti e delle attività urbane, il brutale smembramento delle famiglie e la distruzione delle amicizie ed affetti più cari.
Il memoriale del Muro di Berlino Il memoriale del Muro di Berlino Le foto delle vittime del confine
foto: Inhiber

Informazioni utili per il visitatore:

Per approfondire:

La Germania divisa
La Germania divisa
di A. Missiroli
e F.Bertini
La DDR. Una storia breve
La DDR -
una storia breve
di Ulrich Mählert
Il muro di Berlino
Il muro di Berlino
di Th. Flemming
e H. Koch
La DDR. Una storia breve
La DDR -
una storia breve
di Ulrich Mählert
Il muro di Berlino
Il muro di Berlino
di Th. Flemming
e H. Koch
La Germania divisa
La Germania divisa
di A. Missiroli
e F.Bertini
La DDR. Una storia breve
La DDR -
una storia breve
di U. Mählert
Il muro di Berlino
Il muro di Berlino
di Th. Flemming
e H. Koch

Potrebbero interessarti anche:


Hotel, pensioni e Bed and Breakfast a Berlino
Hotel, pensioni e B&B
a Berlino
Appartamenti di vacanza a Berlino
Appartamenti di vacanza
a Berlino
Voli dall'Italia a Berlino
Voli dall'Italia
a Berlino
Noleggio auto a Berlino
Autonoleggio
a Berlino
Hotel, pensioni e Bed and Breakfast a Berlino
Hotel, pensioni e B&B
a Berlino
Appartamenti di vacanza a Berlino
Appartamenti di vacanza
a Berlino
Voli dall'Italia a Berlino
Voli dall'Italia
a Berlino
Noleggio auto a Berlino
Autonoleggio
a Berlino

Visite guidate, tour, attività:

Visite guidate, tour, attività:
altre proposte
  Scrivi qui un commento...
Finora non ci sono dei commenti.



Copyright, privacy, contatto Copyright, privacy, contatto