Viaggio in Germania - La letteratura tedesca
Viaggio in Germania - La letteratura tedesca

Bertolt Brecht: "Le poesie di Svendborg"

Tutte le città e regioni della Germania Germania - poltica e società Come sono i tedeschi? La lingua tedesca Vivere e lavorare in Germania La letteratura tedesca La cultura tedesca La musica tedesca La storia della Germania
Condividere su Facebook Condividere su Twitter
Condividere su Facebook Condividere su Twitter


La casa di Brecht a Svendborg
La casa a Svendborg (Danimarca) dove Brecht visse dal 1933 al 1939
foto:
https://svendborgbibliotek.dk
Articolo a cura di Eleonora Massa.

Brecht in Danimarca:

Quando Brecht è costretto di lasciare la Germania all’indomani dell’incendio del Reichstag (27 febbraio 1933), i nazisti hanno ormai tolto le sue opere teatrali dai cartelloni. In Danimarca, in una casa contadina della provincia di Svendborg, circondato da una natura brulla e fredda, in un clima proficuo di solitudine e meditazione, Brecht riprende in mano innanzitutto una cosa: le sue poesie. All’anno successivo, il 1934, risale la pubblicazione della raccolta Canzoni, poesie, cori (Lieder, Gedichte, Chöre), tappa fondamentale del suo excursus poetico; al 1939, ancora, quella delle Poesie di Svendborg (Svendborger Gedichte), il punto più alto della lirica brechtiana.

L’impegno antifascista di Brecht:

Le due raccolte sono l’emblema dell’impegno antifascista di Brecht: l’attacco al sistema consiste nel guardare e nell’inquadrare le cose dal basso, deformandole, stravolgendole, finendo col metterle in ridicolo e, ciò facendo, svelandone lucidamente le mostruosità.

Così, agli slogan di propaganda del regime si oppongono le Ninne-Nanne (Wiegenlieder) di Canzoni, poesie, cori, in cui l’offensiva contro il Terzo Reich è consegnata ai ritmi della ballata popolare:

L’imbianchino* parla di grandi tempi a venire (Der Anstreicher spricht von kommenden großen Zeiten)

Le foreste crescono ancora.
I campi sono fertili ancora.
Le città ci sono ancora.
Gli uomini respirano ancora.
*
Con "l'imbianchino" Brecht si riferisce a Hitler

Sul muro c’era scritto col gesso (Auf der Mauer stand mit Kreide):

Vogliono la guerra.
Chi l’ha scritto
è già caduto.

In Sulla denominazione emigrante (Über die Bezeichnung Emigranten) Brecht riflette sul proprio stato di "emigrante":

Sempre mi è parso erroneo il nome che ci hanno dato:
emigranti.
Questo significa: espatriati. Ma noi
non siamo espatriati volontariamente
altro paese scegliendo. E nemmeno siamo espatriati
in un paese, per restarvi, possibilmente per sempre.
Siamo fuggiti, invece. Espulsi noi siamo, banditi.
E non casa, ma esilio dev’essere il paese che ci ha accolti.
Cosí, inquieti, prendiamo stanza, se possibile presso ai confini,
aspettando il giorno del ritorno, qualsiasi minimo cambiamento
oltre il confine spiando, ogni nuovo venuto
febbrilmente interrogando, nulla dimenticando e a nulla rinunciando
e neanche perdonando nulla di quel che è successo, nulla perdonando.
Ah, il silenzio del Sund* non ci inganna! Noi udiamo le grida,
fin qui, dai loro campi di concentramento. Noi stessi siamo
quasi come voci dei misfatti, che varchino i confini.
Ognuno di noi
che va attraverso la folla con le sue scarpe consunte
testimonia della vergogna che ora macchia il nostro paese.
Ma nessuno di noi rimarrà qui.
L’ultima parola non è stata detta ancora.
*
Il "Sund" è il braccio di mare tra la Danimarca e la Svezia.

Le Poesie di Svendborg
Frontespizio originale delle "Poesie di Svendborg", una delle raccolte di poesie più importanti di Brecht.
foto:
Karel Schulz

Il testamento di Brecht:

Lapide di Bertolt Brecht
La lapide di Bertolt Brecht nel cimitero di Dorotheenstadt
foto:
Eleonora Massa
È a un'altra poesia, che Bertolt Brecht infine affida il suo testamento spirituale:
Non mi serve una lapide (Ich benötige keinen Grabstein)
:

Non mi serve una lapide, ma
se a voi ne serve una per me
vorrei che sopra stesse scritto:
Ha fatto delle proposte. Noi
le abbiamo accolte.
Una simile scritta farebbe
onore a tutti.

Verrà sepolto presso il Dorotheenfriedhof che scorgeva dalle finestre della sua abitazione, lungo la Chaussestraße, a pochi passi dal Theater am Schiffbauerdamm: quel teatro che lo aveva fatto conoscere al grande pubblico e che sarebbe diventato il palcoscenico stabile della Berliner Ensemble. Là dove tutto era cominciato e, allo stesso modo, sarebbe finito.

È stato sepolto senza cerimonie, come da lui richiesto. Sopra la sua lapide c’è scritto solo: Bertolt Brecht

testo: Eleonora Massa

Vedi anche:

Le poesie di Brecht
Le poesie di Brecht

Qui Brecht parla del suo intento poetico.

Altre pagine su Berolt Brecht:

Per approfondire:

Bertolt Brecht - poesie
Bertolt Brecht
Poesie
Bertolt Brecht - Liriche d'amore e altre poesie
Bertolt Brecht
Liriche d'amore

Le opere di Brecht - biografie e altri libri su Brecht    Le opere di Brecht - biografie e altri libri su Brecht    Le opere di Brecht - biografie e altri libri su Brecht    Le opere di Brecht - biografie e altri libri su Brecht
Le opere di Bertolt Brecht,
biografie e saggi

La letteratura tedesca
La
Letteratura
tedesca
Storia della letteratura tedesca
Storia della
letteratura
tedesca
Guida alla letteratura tedesca, 1945-2017
Letteratura
tedesca
1945-2017
Atlante della letteratura tedesca
Atlante della
letteratura
tedesca

I classici della letteratura tedesca con il testo tedesco a fronte    I classici della letteratura tedesca con il testo tedesco a fronte    I classici della letteratura tedesca con il testo tedesco a fronte    I classici della letteratura tedesca con il testo tedesco a fronte   
Testi classici della letteratura tedesca con il testo tedesco a fronte
Letteratura tedesca
Tutte le altre pagine
sulla letteratura tedesca
Scrivi un commento...
Finora non ci sono dei commenti.


© 2021 Wolfgang Pruscha

Contatto - copyright - privacy