Viaggio in Germania - La lingua tedesca
Viaggio in Germania - La lingua tedesca

Davon, dazu, daran, dabei...

Tutte le città e regioni della Germania Germania - poltica e società Come sono i tedeschi? La lingua tedesca Vivere e lavorare in Germania La letteratura tedesca La cultura tedesca La musica tedesca La storia della Germania
Condividere su Facebook Condividere su Twitter
Condividere su Facebook Condividere su Twitter

Studiare!
Studiare!

Facciamo prima un passo indietro: i pronomi personali

I pronomi personali non sono difficili da capire. Due esempi, tanto per ricordarsi: Nel primo caso "sie" sta per "Sabine", nel secondo caso "ihn" sostituisce "diesen Film". Di solito, l'uso di questi pronomi non comporta grossi problemi, basta conoscere le loro forme al nominativo, accusativo e dativo. Caso mai, prendete una grammatica per ripassare le forme. Si chiamano pronomi "personali" ma, come sapete, si usano naturalmente anche per le le cose: der Tisch = er, die Tür = sie, das Auto = es.

Adesso arriviamo al dunque...

Altri due esempi:
In questi due esempi c'è di mezzo una preposizione (sprechen über...). Nel primo esempio non c'è niente di nuovo rispetto ai due casi trattati sopra: "sprechen über" regge l'accusativo, Klaus è un maschio e di conseguenza la preposizione con il pronome è "über ihn". Nel secondo caso abbiamo sempre a che fare con l'espressione "sprechen über", ma questa volta si parla non di una persona (Klaus), ma di una cosa (die Schule), e qui non si usa "über sie" (come si potrebbe pensare), ma "darüber".

Quindi, "darüber" è una specie di pronome con preposizione incorporata che si usa al posto di "über ihn" o "über sie", quando si tratta non di persone, ma di cose.

Grammaticalmente le parole come "darüber" vengono chiamate "avverbi pronominali", o "pronomi preposizionali". Comunque, non è importante come li chiamate, l'importante è sapere cosa sono e come si usano.

In italiano questi "pronomi preposizionali" corrispondono spesso a "ne" (Ne abbiamo parlato), oppure possono essere tradotte con "su questo", "a questo", "con questo" o con espressioni simili.

Alcuni altri esempi per capirlo ancora meglio:

Le forme:

Come si vede dagli esempi questi "pronomi preposizionali" hanno le seguenti forme:
mit
von
zu
an
auf
über
et cetera...
mit
von
zu
an
auf
über
et cetera...
Quando la preposizione comincia con una vocale (an, auf, über...) c'è, come si vede, una r di mezzo. Ricordatevi che questi pronomi preposizionali si usano solo con riferimento a cose, non a persone.

Dove stanno i problemi?

Capire come funzionano questi pronomi preposizionali non è così difficile. I problemi derivano di solito da un'altra parte: in tedesco c'è una miriade di verbi (träumen von), aggettivi (zufrieden mit) o sostantivi (Angst vor) che reggono una preposizione ed è indubbiamente difficile ricordarseli tutti. Ma non è impossibile. Per avere un piccolo aiuto leggete la pagina: Verbi, aggettivi e sostantivi con preposizioni


Abbonamento annuale
 
In edicola dal 1985, Speak Up è il mensile per imparare e perfezionare l'inglese, attraverso articoli di cinema, musica, viaggi e cultura dal mondo anglosassone.
Gli articoli sono in inglese e riportano l'indicazione del livello linguistico, un utile glossario e ricchi approfondimenti linguistici e culturali in italiano.
La rivista è accompagnata da un CD-audio per ascoltare i servizi ed esercitarsi nella pronuncia; e dal Work it Out, un pratico quaderno di esercizi collegati agli articoli del numero.
Sul sito della rivista ci sono inoltre tanti contenuti multimediali extra (video interviste e molto altro).

Abbonamento annuale

Speak Up è il mensile per imparare e perfezionare l'inglese, attraverso articoli di cinema, musica, viaggi e cultura dal mondo anglosassone. La rivista è accompagnata da un CD-audio per ascoltare i servizi ed esercitarsi nella pronuncia; e da un quaderno di esercizi. Sul sito della rivista ci sono inoltre tanti altri contenuti multimediali.


Ma non è finita qui...

Adesso passiamo a un livello superiore, per così dire dalla Grundstufe alla Mittelstufe. Se non ve la sentite potete anche fermarvi qui e continuare a leggere queste spiegazione fra sei mesi... Se invece siete bravi e vi sentite forti, allora continuate e osservate le frasi dei seguenti esempi: Nella prima frase dei due esempi abbiamo sempre a che fare con preposizione + sostantivo (über die Geschenke, vom Wetter) nella seconda frase invece abbiamo a che fare con una frase secondaria (..., dass ich viele Geschenke bekommen habe, ..., ob morgen gutes oder schlechtes Wetter ist). Anche qui si usano i pronomi preposizionali.

In italiano questi pronomi preposizionali di solito non vengono tradotti. Semmai si usano espressioni come "del fatto che...", "dal fatto se...".

In questi casi, i pronomi preposizionali sono proprio necessari?

Dipende, qualche volta sì e qualche volta no. Torniamo agli esempi di sopra: Per rispondere alla domanda "Ma perché?" dovremmo salire ancora di un livello, per così dire dalla Mittelstufe alla Oberstufe. Siete pronti?

Il punto è che "Ich freue mich" è una frase completa, il verbo "sich freuen" non necessita obbligatoriamente della preposizione "über". "Das hängt ab" invece non è una frase completa, è obbligatorio aggiungere "von..." o "davon". In italiano invece "Dipende" è un'espressione completa, non ci vuole necessariamente "da..."

Per sapere se in tedesco un verbo o un altra espressione necessita obbligatoriamente di una preposizione o meno non esistono regole, l'unica bussola è il cosiddetto "Sprachgefühl" (sensibilità linguistica) che nasce esclusivamente dall'esperienza. Ecco perché ci vuole il livello Oberstufe...

Per sapersi regolare anche ai livelli inferiori si potrebbe dire: se avete già letto o sentito da un tedesco un verbo o un'altra espressione senza preposizione allora siete liberi di farlo anche voi. Se invece non siete sicuri, allora è meglio usare "davon, dabei, damit, daran"...

Il "dabei" solitario:

In tutti gli esempi considerati finora le parole ""davon, dabei, damit, daran" erano sempre riconducibili chiaramente al relativo verbo o all'aggettivo che regge una determinata preposizione. Però vi può anche capitare che un tedesco, nel bel mezzo di una conversazione, vi chieda "Was hast du dir dabei gedacht?" o vi interrompa dicendo "Dabei fällt mir gerade ein, dass..." e voi vi chiedete disperatamente da che diavolo di espressione dipende questo "dabei".

Senza annoiarvi con dotte spiegazioni linguistico-filosofiche vi posso dare il consiglio di provare a tradurre questo "dabei" con "facendo questo", "dicendo questo", "scrivendo questo" o "pensando a questo". Nel 90% dei casi avrete capito. Per quanto riguarda il restante 10% abbiate pazienza: è sempre questione di "Sprachgefühl" - che si acquista col tempo (se si studia e se si applica...).

Argomenti correlati:

Gli indispensabili:

Corsi di tedesco, eserciziari, grammatiche
Corsi di tedesco
eserciziari,
grammatiche
Dizionari tedesco-italiano, italiano-tedesco
Dizionari
tedesco-italiano
italiano-tedesco
Letture facili in lingua tedesca
Letture facili
in lingua tedesca
da A1 a B1
Libri in lingua tedesca - classici
Libri
in lingua tedesca
- testi classici -
Corsi di tedesco, eserciziari, grammatiche
Corsi di tedesco
eserciziari,
grammatiche
Dizionari tedesco-italiano, italiano-tedesco
Dizionari
tedesco-italiano
italiano-tedesco
Letture facili in lingua tedesca
Letture facili
in lingua tedesca
da A1 a B1
Libri in lingua tedesca - classici
Libri
in lingua tedesca
- testi classici -

Altre risorse utili:

Tutte le altre pagine sulla lingua tedesca Tutte le altre pagine sulla lingua tedesca Tutte le altre pagine
sulla lingua tedesca

Scrivi un commento a questa pagina...
Finora non ci sono dei commenti

Copyright, privacy, contatto Copyright, privacy, contatto