Viaggio in Germania - La lingua tedesca

Perfekt, Präteritum e Plusquamperfekt -
l'uso dei tempi al passato

Condividere su Facebook

Di che cosa stiamo parlando?

I tempi al passato in italiano sono quattro: Il tedesco ha invece solo tre tempi al passato: Perfekt (esempi):
Im September ist er nach Berlin gefahren.
Sie hat gestern einen schönen Film gesehen.
Präteritum (esempi):
Ich hatte am Montag keine Zeit.
Nach der Party ging er nach Hause.
Plusquamperfekt (esempi):
Er hatte einen Fehler gemacht.
Der Unfall war schon letzte Woche passiert.

L'uso di Perfekt e Präteritum - nella lingua parlata

Sie war noch nie in Rom. (Präteritum)
Sie ist noch nie in Rom gewesen. (Perfekt)

Er kam gestern um halb acht nach Hause. (Präteritum)
Er ist gestern um halb acht nach Hause gekommen. (Perfekt)

Ich hatte keine Lust. (Präteritum)
Ich habe keine Lust gehabt. (Perfekt)

Er sprach langsam und deutlich. (Präteritum)
Er hat langsam und deutlich gesprochen. (Perfekt)
In queste frasi, Perfekt e Präteritum significano esattamente la stessa cosa e non c'è nessuna differenza tra di loro: sono perfettamente interscambiabili! E non è una caratteristica particolare dei verbi usati in queste frasi, vale per (quasi) tutti i verbi.

Vi sorprende? Di solito l'uso dei tempi è rigidamente regolamentato, in tutte le lingue. In inglese per esempio c'è il past tense e il present perfect, e non bisogna assolutamente fare confusione tra loro. Anche in italiano: Parlava piano e Ha parlato piano non sono esattamente la stessa cosa. In tedesco invece si può usare o l'uno o l'altro e non fa differenza! Qualche volta il tedesco è (sorprendentemente) più flessibile e più semplice di altre lingue!
Scrisse molto.
Scriveva molto.
Ha scritto molto.
Queste tre frasi possono essere tradotte in tedesco, lingua parlata, tutti e tre con:
Er schrieb viel.
...ma anche con:
Er hat viel geschrieben.
Le differenze che, secondo alcune grammatiche, dovrebbero esserci tra le due frasi tedesche o sono superate o non riguardano la lingua parlata. E quando si parla di "lingua parlata" si intende anche il linguaggio delle lettere personali e delle e-mail, insomma dell'uso personale della lingua.
Impara una lingua con Babbel!

La differenza tra Perfekt e Präteritum sta in un altro punto

Se si facesse una statistica si vedrebbe che i tedeschi, nell'uso "personale", quotidiano della lingua, usano al 90% il Perfekt, quando si parla del passato. L'uso del Präteritum è limitato a certi verbi.

Semplificando un po' si può riassumere l'uso di Perfekt e Präteritum nella lingua parlata in questo modo:

  Perfekt Präteritum
sein, haben 50% 50%
verbi modali - 100%
tutti gli altri verbi * 100% -

* anche i verbi con il paradigma irregolare come denken, wissen, bringen, kennen vengono usati indifferentemente nei due tempi
* certi verbi molto usati come gehen e kommen o anche l'espressione es gibt vengono usati spesso al Präteritum

Quindi:

Per parlare correttamente il tedesco bastano in realtà poche forme del Präteritum e siamo a posto! Certo che ci sono differenze personali, forse anche regionali e dialettali che fanno preferire, in certi casi, l'uno o l'altro tempo. Ma sono in ogni caso delle variazioni che non influenzano la correttezza del parlato.

Perfekt e Präteritum nella letteratura

Qui il discorso cambia. Il rapporto tra Perfekt e Präteritum si rovescia:
nella letteratura si usa quasi esclusivamente il Präteritum!
Andò a scuola e
Andava a scuola.
viene tradotto, nel tedesco letterario sempre con:
Er ging zur Schule.
È interessante, in questo contesto, fare un confronto tra tedesco e italiano nei libri che hanno il testo tradotto a fronte. Si vedrà che la differenza tra passato remoto e imperfetto (nel testo italiano) in tedesco non esiste, nel testo tedesco si usa sempre il Präteritum. L'uso del Perfekt, nella letteratura, è di solito limitato al discorso diretto inserito nel testo.

Sulle favole

Quando in tedesco si raccontano delle favole si usano i tempi del passato, anche parlando, di solito come nella letteratura, quindi: sempre Präteritum, con esclusione del discorso diretto. Der Wolf fragte: "Wo bist du gewesen?"

Il Plusquamperfekt

L'uso del Plusquamperfekt è molto semplice: si usa esattamente negli stessi casi in cui in italiano si usa il trapassato prossimo.
Aveva fatto un errore.
Er
hatte einen Fehler gemacht.

L'incidente
era successo già la settimana scorsa.
Der Unfall
war schon letzte Woche passiert.

Argomenti correlati:

Indispensabile per chi studia il tedesco:

Corsi di tedesco, eserciziari, grammatiche
Dizionari tedesco-italiano
Libri in lingua tedesca
Archivio online di tesi di laurea e tesine

Libri consigliati:

Dies und das. Grammatica di tedesco con esercizi
Grammatica di tedesco
con esercizi
Grammatica tedesca con esercizi
Grammatica tedesca
con esercizi

Potrebbero interessarti anche:

Le altre risorse di questo sito:

Tutte le altre spiegazioni di grammatica
Tutte le altre spiegazioni
di grammatica
Esercizi e corsi di tedesco in internet
Gli esercizi di tedesco
online

Vedi anche:

Offerte di lavoro per chi sa il tedesco
Offerte di lavoro in Italia
per chi sa la lingua tedesca
Vivere, studiare e lavorare in Germania
Vivere, studiare e lavorare
in Germaniaa

C'è 1 commento a questa pagina:

Alessandra Vizzaccaro:
Mi sembri molto chiaro e diretto, grazie mi sarai di grande aiuto.
(03/05/2016)
Aggiungi un commento   Clicca qui per aggiungere un commento

Germania-Shop:

La Germania in Facebook:

La Germania in Facebook
Un gruppo di discussione molto vivace e simpatico.
Iscrivetevi e partecipate!

Scopri tutte le altre pagine su:

Lingua tedesca

Consigli:

Fatti un bel regalo:

Iscriviti gratuitamente alla newsletter:

Newsletter: per essere sempre aggiornati sulle novità!

Tutti i capitoli di www.viaggio-in-germania.de:

Tutte le città e regioni della Germania  Tutti i servizi per il vostro viaggio in Germania  Società, politica ed economia  Come sono i tedeschi?  Vivere e lavorare in Germania
Lingua tedesca  Letteratura tedesca  Arte, cultura, filosofia, scienza  Cinema tedesca  Musica tedesca  Storia della Germania  Germania-Shop

Copyright, privacy, contatto