Come sono i tedeschi?

Quanto sono strani i tedeschi...

Come sono i tedeschi?

Giudizi, pregiudizi e luoghi comuni...

...sui tedeschi, i francesi, gli inglesi (e gli italiani...) sono molto diffusi e difficili da sradicare, è molto facile generalizzare delle singole esperienze o cadere nei luoghi comuni. Una scrittrice inglese ha commentato (e liquidato...) le discussioni a proposito con la battuta:

"I tedeschi sono tutti uguali, tranne tutti quelli che conosco io!"

Ma scherzi a parte: è innegabile che ci siano delle caratteristiche più o meno tipiche che distinguono tedeschi e italiani. Ci sono dei comportamenti, delle abitudini, delle piccole "stranezze", che noteranno tutti gli italiani quando conoscono un po' meglio i tedeschi.

Per esempio...

  • al ristorante vogliono sempre fare i conti separati...
  • quando si salutano non si baciano quasi mai...
  • sono così testardi: un loro "no" resta sempre  "no"...
  • quando un italiano risponde con un "no di cortesia" a una loro proposta capiscono solo "no" e non ti danno un'altra chance...
  • i figli vogliono abitare fuori casa il più presto possibile...
  • se uno a 27-28 anni abita ancora in famiglia è considerato strano...
  • le ragazze ventenni si offendono quando non sono chiamate "Signora"...
  • gli insegnanti danno del lei agli studenti anche quando questi hanno solo 16 o 17 anni...
  • anche i colleghi di lavoro si danno spesso del lei...
  • già alla mattina mangiano pane con formaggio o affettati...
  • sono capaci di andare a un matrimonio anche in jeans e T-shirt...
  • bevono birra in quantità industriali...
  • aspettano al semaforo rosso anche quando sono a piedi e non c'è traffico...
  • in macchina si fermano davanti alle strisce pedonali...
  • quando offrono un pranzo ritengono necessario dirlo prima...
  • hanno così pochi gesti quando parlano...
  • vanno al cinema anche da soli...
  • al ristorante e in treno parlano sempre a voce bassa...
  • dividono il tavolo del ristorante anche con degli sconosciuti...
  • i giovani si interessano poco delle "firme" dei vestiti...
  • di sera ci sono tante donne che passeggiano da sole per strada...
  • si arrabbiano veramente quando arrivi tardi a un appuntamento...
  • mangiano tranquillamente il panino mentre passeggiano per strada...
  • fanno il bagno nel mare anche in ottobre o in aprile...
  • parlano spesso male dell'Italia, nonostante ciò ci vanno sempre in vacanza...

Sono queste le caratteristiche "tipiche" dei tedeschi?

precisione - affidabilità - organizzazione
sincerità - professionalità - senso dello stato
rispetto delle leggi - puntualità - senso del dovere
serietà (troppa?) - razionalità (troppa?) - freddezza
poca cordialità - spontaneità zero - pedanteria
mancanza di gusto - inibizione - arroganza
autoritarismo - poca flessibilità - mancanza di spirito

Cosa ne dite voi?

Libri e DVD per conoscerli meglio:

Potrebbero interessarti anche:

Ci sono 14 commenti:

Marco Patton:
Io vivo da cinque anni a Norderney, un Isola sul mare del Nord, ne sono rimasto affascinato, amo l'Isola ed adoro la gente di qua, sarà che vengo dal Friuli (non proprio un luogo di gente espansiva o affettuosa) ma io qua mi ci trovo proprio bene, gente come me, senza fronzoli ma sincera.
(12/12/2015)

Simona Daniele:
Vivo nel Baden Württemberg da diversi mesi, trovo perfettamente aderenti alla realtà la maggior parte degli attributi positivi relativi ai tedeschi, dissento su quelli negativi, io ho già conosciuto molte persone estremamente disponibili e pazienti, a cominciare dai miei vicini di casa! Anche se sicuramente sono più riservati degli italiani (soprattutto del sud), e molto meno espansivi fisicamente. Questo può trarre in inganno e far credere che siano poco "affettuosi". Qualche preconcetto, più che pregiudizio sugli italiani ce l'hanno, certo, ma anche noi su di loro del resto! Molte difficoltà con la lingua, sicuramente, anche perché pochi parlano inglese. In generale potrei riassumere dicendo che se sei educato, cordiale e rispettoso delle regole (non rigidamente ossequioso) loro ricambieranno con cortesia e rispetto!
(22/10/2015)

Manolo Omiciuolo:
Consiglio la lettura di un libercolo dal titolo “Piccolo viaggio nell’anima tedesca” di Vanna Vannuccini e Francesca Predazzi. Così come consiglio di leggere “Il Mediterraneo” di Fernand Braudel. Inoltre suggerisco di leggere qualche cosina sul protestantesimo, sul cattolicesimo e sulla cultura calvinista. Sicuramente tali letture non forniranno la comprensione ultima del perché di certe innegabili differenze, ma forniscono interessanti chiavi di lettura dei nostri (italiani) modi di essere pensare ed agire, e dei loro. La mia esperienza (vivo e lavoro da un po’ in Germania, ed ho conosciuto parecchie persone provenienti da diverse regioni della Germania anche prima di arrivarvi) mi porta a pensare che non siano assolutamente freddi. Sono riservati e rispettosi, e danno tempo ad un legame (che sia professionale o di amicizia) di solidificarsi piano piano. Una volta solido, il legame c’è e si avverte (anche nei momenti del bisogno). È chiaro che bisogna avere pazienza e la stessa dose di riservatezza. Un mio amico italiano mi disse che non sanno cosa sia la solidarietà… mi sbilancio pure qui: i piani di gestione/integrazione/aiuto (che piacciano o non piacciano) dell’ex germania est, della comunità turca, e dei rifugiati politici, può risultare meno spettacolare della bellissima solidarietà italiana, ma è meglio organizzato e capillare (addirittura quasi statale). Per uno laico come me, qui in Germania si respira la laicità ed il senso dello Stato che pensa al cittadino.

Riguardo ai punti sopra:
1) al ristorante vogliono sempre fare i conti separati: a volte si a volte no!
2) quando si salutano non si baciano quasi mai: gli esquimesi si strofinano il naso! Usanze… tradizioni diverse…
3) sono così testardi: un loro "no" resta sempre "no". Assolutamente falso: a livello lavorativo vogliono solide giustificazioni ad una tesi non sostenuta. Se le giustificazioni sono ben supportate e circostanziate, ho assistito a dei cambi di opinione che hanno permesso di modificare linee di azione prestabilite da tempo. Noi italiani usiamo più la “pancia”. Non sempre la “pancia” batte la “testa”. In ogni caso assisto quotidianamente ad attestati di stima lavorativa agli italiani e alla nostra capacità di reagire a situazioni “intricate”.
4) quando un italiano risponde con un "no di cortesia" a una loro proposta capiscono solo "no" e non ti danno un'altra chance: la chance la danno, ma ritengono che la parola come l’azione di un individuo ne rifletta il pensiero. Magari in Italia si dice no, ma fa un gran piacere che dall’altra parte si tenti di trasformare il no in un forse e poi in un si… mercanteggio, ruffianeria, clientelarismo sono aberrazioni negative di questa nostra “piaccioneria”;
5) i figli vogliono abitare fuori casa il più presto possibile: per fortuna!!!! Più solidi ed indipendenti, e consapevoli dei confini entro i quali possono muoversi (budget, etc.), soprattutto quelli che provengono da famiglie meno agiate. Ho a che fare con molti giovani nell’università in cui lavoro, e mi chiedo sempre perché in nostri non ragionino così… arduo trovare una spiegazione accettabile…
6) se uno a 27-28 anni abita ancora in famiglia è considerato strano: concettualmente sono d’accordo anch’io - ritengo che il problema in Italia sia rappresentato dalle famiglie la maggior parte delle quali vorrebbe i propri figli al massimo nell’appartamento di fianco. In realtà è bene discriminare fra situazioni sociali che sono ben diverse (soprattutto in alcune aree italiane), ma l’attitudine simile rimane in Italia latente (magari a condividere un appartamento con altri coetanei e fare anche sacrifici ... Perché se mamma cucina e stira e fa la spesa…)… poi incontri giovani che dicono che sono stanchi a 25-30 anni… mah
7) le ragazze ventenni si offendono quando non sono chiamate "Signora": sono solide, tenaci, indipendenti, ed orgogliose! Insomma belle persone!
8) gli insegnanti danno del lei agli studenti anche quando questi hanno solo 16 o 17 anni: danno l’esempio ed rispetto sempre!
9) anche i colleghi di lavoro si danno spesso del lei: noi usiamo un po’ troppo il tu in qualsiasi circostanza!
10) già alla mattina mangiano pane con formaggio o affettati: nelle campagne e fattorie in Veneto formaggio e soppressa/salame e ombra di vino è la prassi già alle 10 di mattina…
11) sono capaci di andare a un matrimonio anche in jeans e T-shirt: sono stato ad un loro matrimonio ed è stato fantastico, rilassati e allegri è il primo matrimonio in cui mi sono divertito veramente… ad un matrimonio italiano ognuno deve in qualche modo far vedere il proprio vestito o il proprio stile, si mangia quasi in maniera sguaiata dal tanto-troppo-tutto, e la cerimonia e banchetto sono sotto giudizio continuo da parte di tutti… insopportabile!
12) bevono birra in quantità industriali: ci sono regioni italiane in cui si beve vino in quantità industriali
13) aspettano al semaforo rosso anche quando sono a piedi e non c'è traffico: senso della legalità e dell’esempio per i bambini. In Italia una delle frasi maggiormente usate è “Fatti Furbo”….
14) in macchina si fermano davanti alle strisce pedonali: lo dice il codice stradale… mi sembra lo dica anche quello italiano…
15) quando offrono un pranzo ritengono necessario dirlo prima: questa mi è nuova!!!
16) hanno così pochi gesti quando parlano... i neuroni si muovono parecchio però!
17) vanno al cinema anche da soli: che male c’è? Vanno anche nei bar, pub, starbucks da soli a leggere studiare chattare… la capacità di divertirsi da soli e di godere del proprio tempo e magari riflettere è una virtù!
18) al ristorante e in treno parlano sempre a voce bassa: quanto è bello viaggiare sulla DB o mangiare in un ristorante in Germania! Comunque ci sono sempre i barbeque dove i decibel salgono!
19) dividono il tavolo del ristorante anche con degli sconosciuti: e poi mi dicono che non sono solidali.
20) i giovani si interessano poco delle "firme" dei vestiti... a Monaco di Baviera si interessano eccome, al nord per niente
21) di sera ci sono tante donne che passeggiano da sole per strada: società civile dove una donna/ragazza può tranquillamente fare ciò che fa un uomo/ragazzo, come è giusto che sia.
22) si arrabbiano veramente quando arrivi tardi a un appuntamento: credo che la puntualità sia un concetto troppo trascurato in Italia… fanno bene!
23) mangiano tranquillamente il panino mentre passeggiano per strada: è un’abilità locomotoria e neuromuscolare…
24) fanno il bagno nel mare anche in ottobre o in aprile: i nostri ragazzini giocano alla playstation anche a Luglio ed Agosto invece di stare fuori tutto il tempo…
25) parlano spesso male dell'Italia, nonostante ciò ci vanno sempre in vacanza: non parlano assolutamente male dell’Italia e ci vanno non appena possibile in vacanza. Tanto quanto noi ridiamo degli stereotipi tedeschi, loro ridono degli stereotipi italiani. Nei programmi televisivi di satira tedesca si prendono in giro abbondantemente! Ve lo assicuro! Alla fine mi sembra che noi Europei siam tutti belli e vari con delle particolarità (chiamiamole nazionali o regionali) che ci arricchiscono, solo nel momento in cui non ledono i diritti e le libertà altrui.
(03/09/2015)

Sara Dal Cengio:
per quel che può essere la mia esperienza ed opinione personale, la precisione, affidabilità,l’organizzazione, la sincerità il rispetto delle leggi, la puntualità il senso del dovere ma soprattutto la SERIETA’ e la RAZIONALITA’ tedesca con quel non so che di “freddezza” che poi non è altro che la già citata serietà, rende questo popolo così affascinante. In base a queste qualità ci si sente sicuri, si sa esattamente ciò che viene chiesto da te e quanto puoi da loro ricevere grazie al loro senso di meritocrazia. Sanno anche scherzare, ma nella mia esperienza non ho mai notato scherzi diretti alla persona con l’intento di sminuirla e questo è lodevole.
Per quel che concerne l’apparente inibizione, preferirei parlare di riservatezza e rispetto del prossimo. Non si può certo definirli invadenti e questo gioca tutto a loro favore. Un po’ arroganti? E chi non lo sarebbe considerato le loro doti, e poi nessuno è perfetto. Per la cordialità dipende dall’area geografica, per esempio in Baviera si trova molta cordialità in svariate situazioni e posti come nei ristoranti tipici,in alcuni locali, nei negozi ecc..
Privi di spontaneità e pedanti? Non ho avuto modo di notare queste caratteristiche ne di aver modo di trovarmi in un frangente tale da valutarle e dunque mi astengo dal giudizio.
(24/06/2015)

Sabrina Mundt:
Ciao, sono tedesca di Amburgo e mi sono riconosciuta in tanti punti della lista. Solo l’ultimo punto, secondo me non è vero. La maggior parte dei tedeschi che conosco io (sono tantissimi), sono quasi tutti innamorati dell’Italia e non ho mai sentito nessuno che ne parlava male. Io vivo in Italia da qualche anno e addirittura nessuno di loro mi crede che qua è una vera palla andare al medico (o in posta) per esempio ;-). Comunque l'Italia è un bellissimo paese, ma il sistema politico, la burocrazia, la assistenza sociale, eccetera si dovrebbe migliorare lo sapete anche voi.
(12/03/2015)

Loris Da Poian:
A mio sommesso avviso i germanici sono precisi, affidabili (ma frá di loro c'è anche non poca gente "loffa" = molto peggio di falso), organizzati, hanno molto maggiore il senso della regione (Land) che non quello dello stato (una persona nata a Monaco di B. é anzitutto un bavarese e poi, ma molto dopo, anche un germanico!!!!); in gernerale rispettano la legge, sono puntuali ed hanno un buon senso del dovere; troppa serietá, eccessiva razionalitá, sono ghiacciati (non freddi) e molto poco cordiali; spontaneità zero (a meno che non siano ubriachi!!!!); zero gusto; tanto arroganti quanto contestualmente inibiti e molto poco flessibili.
(11/03/2015)

Wolfgang Pruscha risponde a Loris Poian:
Quello che Loris dice del "senso della regione (Land)" vale forse per la Baviera, ma non certo per il resto della Germania. Per le altre cose che dice dei tedeschi ("sono ghiacciati, molto poco cordiali; spontaneità zero, zero gusto; tanto arroganti quanto contestualmente inibiti e molto poco flessibili.") non mi esprimo, lascio ai lettori lettori italiani a rispondergli.
(12/03/2015)

Sebastio Angelo:
Indubbiamente i tedeschi sono un po' rigidi e, a volte, pedanti. Ciò può infastidire noi italiani, però… quante qualità hanno che noi non abbiamo! E sinceramente li invidio perché vivono in una società unita ed efficiente. Farei volentieri a meno della nostra presunta allegria e creatività - che in ogni caso riguarda un ristretto numero di persone - se potessi sentirmi facente parte di una vera comunità. Questo manca a noi italiani il senso di una comune appartenenza e perciò non esiste il rispetto delle regole, d'altra parte metà della popolazione è analfabeta -non sto esagerando- e, quindi, che si può pretendere?
Se si pensa che nella sola Berlino vi sono 175 musei di prim'ordine, 7 filarmoniche, 29 linee metropolitane come si fa a criticarli i tedeschi?
Io li ammiro e li amo.
(14/03/2013)

Giorgio Maselli:
Noi italiani vi stimiamo ma non vi amiamo - Voi tedeschi ci amate ma non ci stimate.
Potendo scegliere, preferirei che noi italiani vi ammirassimo incondizionatamente e cercassimo di assomigliarvi il più possibile perchè siete il popolo e la società migliore in assoluto. Un pizzico di flessibilità vi renderebbe perfettamente invidiabili!
(13/12/2012)

Wolfgang Pruscha risponde a Giorgio Maselli:
Sul detto "Gli italiani stimano i tedeschi ma non li amano - I tedeschi amano gli italiani, ma non li stimano" ho scritto un commento: I tedeschi amano gli italiani, ma...
(15/12/2012)

Navonir:
A proposito di una supposta freddezza o poca spontaneità/ cordialità, devo dire che tutti i tedeschi conosciuti recentemente hanno salutato me e la mia famiglia con baci, abbracci, effusioni ed inviti presso di loro, quindi, probabilmente, è un modo di vederli un po’ superato…
(13/11/2012)

Luciano Fratti:
Anche in piena estate, in una luminosa giornata, cenano, in casa o in un locale, dandosi immancabilmente appuntamento per le ore 18°° (che rabbia, la mia ora preferita per giocare a tennis...)
Saluti e complimenti
(05/11/2012)

A. Addezio:
Esattamente come le loro città che sono meravigliose, inoltre sono indiscutibilmente il popolo più colto del mondo. Volesse il cielo che noi italiani possedessimo un millesimo dei loro usi e costumi!
(29/09/2012)

Maurizio Colella:
Vorrei aggiungere delle cose al tuo simpatico sito. Abito in Germania da 22 anni e diciamo che i tedeschi ormai ho imparato a conoscerli.
  • mangiano gelato alle 9 di mattina
  • il primo ottobre anche se ci sono 20 gradi montano le gomme invernali
  • non parlano mai male della loro cancelliera
  • il lago di garda ormai è territorio loro
  • vivono per la vacanza e la macchina
  • lavorano molto meno di noi
    (04/09/2012)

Wolfgang Pruscha risponde a Maurizio Colella:
Due piccoli commenti:
- "non parlano mai male della loro cancelliera": c'è una bella fetta dell'opinione pubblica della Germania che non è affatto contenta della Merkel. Ma probabilmente è vero che, nei confronti degli stranieri, i tedeschi sono più prudenti con i giudizi negativi.
- "lavorano molto meno di noi": cancellerei la parola "molto", ma è vero che lavorano meno. Comunque, a questo proposito bisognerebbe parlare anche della produttività e dell'organizzazione del lavoro.
(06/09/2012)

Fausto:
  • si fidano poco degli italiani, ma una volta che si dimostra il contrario ti danno tutto.
  • ad ogni meeting di lavoro, offrono caffè, succhi di frutta, thè, stuzzichini, panini, anche se si sa' da ambo le parti che sara' guerra.
    05/07/2012)

Un lettore (anonimo):
  • i tedeschi rispettano le leggi, anche quando sanno di non essere osservati o quando sono sicuri che non c'é la polizia,
  • ma anche i tedeschi, a volte, (non quanto gli italiani!!) cercano di evitare alcune regole/leggi - ad es. non pagare il canone TV, non farsi fare la fattura per avere uno sconto,
  • attraversano la strada con il rosso se qualcuno "rompe il ghiaccio" per loro (ovvero un italiano che passa con il rosso per primo!),
  • una volta che un tedesco (tipicamente dopo almeno 6 mesi) decide che tu sei amico suo, lo sei per la vita,
  • "Freund" (amico) é una parola usata con estrema parsimonia, altrimenti sono Bekannte/Kollegen (conoscenti/colleghi); essere amici non significa vedersi ogni giorno ed essere circondati costantemente da calore umano, ma l'amico tedesco é una persona su cui puoi veramente contare quando hai bisogno,
  • si lasciano andare meglio se hanno già bevuto almeno una birra,
  • nell'essere efficienti possono risultare a volte sgarbati/privi di tatto (p.e. commesse/cassiere/cameriere),
  • capiscono il beneficio di seguire le leggi e riescono a guardare al di là delle proprie cose e dei propri interessi (coscienza cittadina),
  • amano il "Kaffee und Kuchen" nel pomeriggio - un po' come il cappuccino al bar la mattina per gli italiani ed il tè degli inglesi,
  • bevono cappuccino a qualsiasi ora della giornata
    (02/03/2012)

Scopri tutte le altre pagine sui tedeschi:

Consiglio:

Problemi con la lingua tedesca?

Iscriviti gratuitamente alla newsletter:

Tutti i capitoli di www.viaggio-in-germania.de:

Tutte le città e regioni della Germania  Tutti i servizi per il vostro viaggio in Germania  Società, politica ed economia  Come sono i tedeschi?  Vivere e lavorare in Germania
Lingua tedesca  Letteratura tedesca  Arte, cultura, filosofia, scienza  Cinema tedesca  Musica tedesca  Storia della Germania  Germania-Shop

Copyright, privacy, contatto