Viaggio in Germania - Le città e regioni più belle

La Porta di Brandeburgo

La Porta di Brandeburgo
La Porta di Brandeburgo oggi
foto: Axel Mauruszat

La Porta di Brandeburgo in breve:

  • anno di costruzione: 1794
  • architetto: Carl Gotthard Langhans
  • altezza / larghezza / profondità: 26 m / 65,5 m / 11 m
  • altezza della quadriga (in rame) in cima alla porta: circa 5 m

La Porta di Brandeburgo non è un monumento come un altro

La Porta di Brandeburgo è il simbolo di Berlino. È stata al centro di vittorie, sconfitte, rivoluzioni e sconvolgimenti politici, dalle guerre napoleoniche attraverso le guerre mondiali, il nazismo, la guerra fredda fino alla riunificazione della Germania. Oggi è un monumento che rappresenta la Germania riunita, ma è anche un monumento alla pace. In questa pagina si racconta la sua storia.
La Porta di Brandeburgo
La Porta di Brandeburgo alla fine del 700.
disegno: Daniel Chodowiecki

Alle fine del '700: un semplice posto di controllo

Alla fine del '700, quando la Prussia, con la sua capitale Berlino, è al culmine del suo potere la porta di Brandeburgo si presenta così come si vede sopra: un piccolo posto di controllo che non fa assolutamente capire che si sta entrando in una capitale di uno dei grandi poteri europei.
La Porta di Brandeburgo
Una ricostruzione dell'Akropolis di Atene - il modello per la Porta di Brandeburgo.
disegno: Joseph Kürschner

1794: l'acropoli di Atene - il modello per la nuova Porta di Brandeburgo

L'architetto Carl Gotthard Langhans, incaricato dal re della Prussia a costruire una nuova porta più grande e più rappresentativa è ispirato dalle idee dell'illuminismo: prende come modello i templi dell'acropoli di Atene (sopra). La nuova porta non deve chiudere la città, ma tenerla aperta e far entrare lo spirito democratico dell'antica Grecia. La porta viene inaugurata nel 1794, pochi anni dopo la rivoluzione francese.
La Porta di Brandeburgo
Napoleone attraversa la Porta di Brandeburgo.
quadro di Charles Meynier

1806: Napoleone a Berlino

Pochi anni dopo, nel 1806, Napoleone conquista l'Europa e anche la Prussia deve cedere al suo potere. Sopra si vedono Napoleone e i soldati francesi che attraversano la Porta di Brandeburgo. Napoleone sa come rendere le sue vittorie ancora più gloriose: toglie la quadriga (che rappresenta la dea della vittoria con quattro cavalli) dalla cima della Porta di Brandeburgo e la porta come trofeo a Parigi.
La Porta di Brandeburgo
La quadriga torna a Berlino.
quadro di Rudolf Eichstaedt

1814: La quadriga torna a Berlino!

La sconfitta sul campo di battaglia è dura per i prussiani, ma ancora sopportabile. Ma togliere alla loro capitale la quadriga, il suo simbolo, viene percepita dalla popolazione di Berlino come una umiliazione ancora più forte. Così, la gioia è enorme quando, nel 1814, dopo la sconfitta di Napoleone, la quadriga viene riportata da Parigi a Berlino e rimessa nel suo posto (vedi il quadro sopra).
La Porta di Brandeburgo
La festa della vittoria nella guerra con la Francia nel 1871.
foto: Autore sconosciuto

1871: l'imperialismo si impossessa della Porta di Brandeburgo

Da quel momento, la Porta di Brandeburgo, diventa un luogo carico di simbolismo e di ideologie. Dopo la vittoria nella guerra contro la Francia e l'unione della Germania nel 1871, è l'imperialismo tedesco ad impossessarsi del luogo: lo fa diventare il posto preferito per innumerevoli parate militari. Tra il 1871 e il 1918 solo l'imperatore e la sua famiglia hanno il permesso di attraversare il passaggio centrale della porta.
La Porta di Brandeburgo
Novembre 1918: i rivoluzionari, con la bandiera rossa, occupano la Porta di Brandeburgo.
foto: Autore sconosciuto

1918: la rivoluzione occupa la Porta di Brandeburgo

Dopo la sconfitta rovinosa della Germania nella prima guerra mondiale, in molte città tedesche scoppiano delle rivolte spontanee. A Berlino diventa una rivoluzione vera e propria rivoluzione con combattimenti strada per strada. E una delle prime cose che fanno i rivoluzionari è: occupare la Porta di Brandeburgo. Alla fine la rivoluzione fallisce, ma nasce la prima repubblica democratica tedesca: la Repubblica di Weimar.
La Porta di Brandeburgo
1933-1945: la Porta di Brandeburgo diventa palcoscenico per la propaganda nazista.
foto: Autore sconosciuto

La Porta di Brandeburgo diventa un  simbolo nazista

Dopo il breve intermezzo democratico della Repubblica di Weimar (1919-1933) Hitler arrivò al potere, abolisce tutte le istizioni e diritti democratici e trasforma la Germania in una macchina da guerra.

Nella foto di sopra si vede uno striscione appeso alla Porta di Brandeburgo che doveva esprimere la cieca fiducia del popolo tedesco in Hitler: "Führer befiehl, wir folgen!" (Führer ordina, noi seguiamo!). Una fiducia che, nella seconda guerra mondiale, doveva costare ai tedeschi 6,3 milioni di morti. A tutto il mondo invece più di 50 milioni di morti e 35 milioni di feriti.
La Porta di Brandeburgo
1945.
foto: Presse- und Informationsamt der Bundesregierung

1945: la distruzione totale

La Porta di Brandeburgo nel 1945, alla fine della guerra: quando la Germania firma la capitolazione incondizionata, Berlino è ridotta a un campo di macerie. Tre anni di continui bombardamenti hanno totalmente distrutto la città fino a trasformarla in un paesaggio lunare.

La tragedia della Germania alla fine della guerra era terribile. Ma le atrocità degli altri certamente non attenuano la responsabilità della Germania. Tutto questo era soltanto un riflesso di quello che il nazismo aveva fatto ai popoli dell'Europa, era soltanto l'ultimo atto di una guerra che Hitler aveva fortemente voluto, che aveva preparato ideologicamente e materialmente, di una guerra che nessun altro in Europa aveva voluto o cercato.
Il muro di Berlino
foto sopra e sotto:  Il muro che divide Berlino in due.
La Porta di Brandeburgo non è più accessibile né dai Berlinesi dell'ovest, né da quelli dell'est.
entrambe le foto: Presse- und Informationsamt der Bundesregierung
La Porta di Brandeburgo
Il cartello dice: "Achtung! Sie verlassen jetzt West-Berlin" (Attenzione! State lasciando Berlino ovest).

1945-1989: simbolo della guerra fredda e della divisione della Germania

Appena finita la guerra che gli alleati avevano combattuto insieme contro la Germania scoppiò la guerra Fredda tra Unione Sovietica e Stati Uniti che si sarebbe trascinata in forme più o meno aspre fino agli anni ottanta. E la Germania deve pagare i conti: il paese viene diviso in due, al centro della guerra fredda c'era Berlino, una città divisa in due da un muro.
La caduta del muro di Berlino
Novembre 1989: cade il Muro di Berlino
foto: Autore sconosciuto

1989: cade il muro di Berlino

Nel 1989 gli stati dell'Europa dell'est cominciarono a liberarsi dagli opprimente regimi pseudo-socialisti. Prima c'erano le riforme interne nell'Unione Sovietica, volute da Gorbaciov che incoraggiavano anche l'opposizione nella DDR. Poi la decisione, sempre di Gorbaciov, di lasciare che ogni paese dell'est trovi da solo il proprio destino che diede un'ulteriore spinta a tutti quelli che chiedevano la libertà.

Nell'ottobre del 1989 anche gli eventi nella DDR precipitarono: sotto la pressione delle manifestazioni di massa e del flusso sempre crescente di persone che lasciavano il paese attraverso l'Ungheria, che aveva aperto le frontiere verso l'ovest, molte amministrazioni comunali della DDR si sciolsero e furono sostituite da organi ai quali parteciparono per la prima volta anche gruppi di opposizione. Quando la sera del 9 novembre un portavoce del governo della DDR annunciò una riforma molto ampia della legge sui viaggi all'estero, la gente di Berlino est lo interpretò a modo suo: il muro doveva sparire. Migliaia di persone stavano all'est davanti al muro, ancora sorvegliato dai soldati, ma migliaia di persone stavano anche aspettando dall'altra parte del muro, all'ovest, con ansia e preoccupazione. Nell'incredibile confusione di quella notte, qualcuno, e ancora oggi non si sa esattamente chi sia stato, aveva dato l'ordine ai soldati di ritirarsi e, tra lacrime ed abbracci, migliaia di persone dall'est e dall'ovest, scavalcando il muro, si incontravano per la prima volta dopo 40 anni.
La Porta di Brandeburgo
2010: si festeggia il 20° anniversario della riunificazione della Germania.
foto: Muugii

Dal 1990 a oggi: la Porta di Brandeburgo diventa simbolo della Germania riunita

Oggi, la Porta di Brandeburgo è un monumento alla ritrovata unità della Germania, ma anche un monumento alla pace in Europa.

Dove soggiornare a Berlino?

Trasferimenti in taxi da e per gli aeroporti di Berlino:

Guide turistiche e carte stradali di Berlino:

Il "Berlin-Pass" - a tariffa agevolata!

Prenotare online i biglietti per saltare le code:

Commenta questa pagina:

Finora non ci sono commenti ...

Scopri tutte le altre pagine su:

Consigli:

Iscriviti gratuitamente alla newsletter:

Tutti i capitoli di www.viaggio-in-germania.de:

Tutte le città e regioni della Germania  Tutti i servizi per il vostro viaggio in Germania  Società, politica ed economia  Come sono i tedeschi?  Vivere e lavorare in Germania
Lingua tedesca  Letteratura tedesca  Arte, cultura, filosofia, scienza  Cinema tedesca  Musica tedesca  Storia della Germania  Germania-Shop

Copyright, privacy, contatto