www.viaggio-in-germania.de

Viaggio in Germania - Letteratura e cultura tedesca

Nietzsche - un anticipatore del nazismo?

Introduzione
a Nietzsche

Nietzsche - un anticipatore del nazismo?

La musica nella vita e nell'opera di Nietzsche

Nietzsche in libreria

Le opere di Nietzsche online

La pittura tedesca

Il cinema che parla tedesco

Escursioni nel mondo della musica

Paracelso

Martin Lutero
e la riforma

Georg Christoph Lichtenberg

Karl Marx e Friedrich Engels

Arthur Schopenhauer

Friedrich Nietzsche

Sigmund Freud

Albert Einstein

Carl Gustav Jung

Albert Schweitzer

Il fotografo
Hugo Erfurth

La cultura tedesca in Italia - la cultura italiana in Germania

Nietzsche - Biografia di un pensiero

Nel 2001 si è compiuto il centesimo anniversario della morte di Friedrich Nietzsche, uno dei filosofi moderni più inquietanti e discussi. Fu addirittura sfruttato dai nazisti per rinsaldare i fondamenti ideologici delle loro teorie razziali. Ma Nietzsche fu veramente un anticipatore del nazismo?

"Questo libro è riservato a pochissimi. Forse nemmeno uno di essi è ancora nato." Queste sono le prime parole di Nietzsche del suo libro "L'Anticristo - Maledizione del Cristianesimo". Certo, non soffriva di un eccesso di modestia e come testimonia anche il titolo di quel libro, Nietzsche è duro, senza mezzi termini, provocante. Nietzsche è un filosofo difficile perché costringe il lettore a mettere in discussione tutto quello che sembra "intoccabile": la morale, l'etica, la religione. "Al di là del bene e del male", ecco un altro titolo suo che è già un programma.

Anche la vita di Nietzsche fu difficile: per tutta la sua (breve) vita fu tormentato da malattie, emicrania, febbre, problemi di vista e di udito, sofferenze per la solitudine intellettuale e reale. Le donne che vuole amare non lo amano, quelle che lo amano, lui le disprezza. Per tutta la vita fu anche tormentato dalla paura di impazzire, come suo padre che a 36 diventa pazzo. E a 44 anni impazzisce anche Nietzsche, a 55 anni muore. Ma le sue pubblicazioni hanno l'effetto di una bomba, la sua intelligenza acuta - qualcuno dice genialità - traspare in tutto quello che scrive, nonostante le innegabili contraddizioni, i cambiamenti di opinioni e umori che riflettono una vita sregolata e movimentata. Quando muore è conosciuto in tutta l'Europa.

E quando muore comincia il processo di falsificazione della sua opera. Regista: la sorella Elisabeth. Lei vuole, a tutti i costi, trasformare l'opera del fratello in una specie di base ideologica della destra dell'epoca. Pubblica dei frammenti postumi di Nietzsche selezionati in modo tendenzioso con il titolo "Volontà di Potenza". Segue una pubblicazione manipolata di un altro libro di Nietzsche "Ecce Homo". Trasforma Nietzsche in un apologeta del potere, in un ammiratore incondizionato del successo, dell'arbitrio più brutale. Lo fa diventare uno che prevarica sui deboli, sui poveri sugli umili. Elisabeth è amica di D'Annunzio e Mussolini e più tardi anche di Adolf Hitler che è molto grato dell'aiuto ideologico fornitogli.

Ma tutto questo è una violenza sull'opera di Nietzsche: non è mai stato nazionalista, anzi. Detestava quelli che osannano il nuovo stato "Germania" nato nel 1871. Detestava l'antisemitismo che andava di moda in quell'epoca. Certo, Nietzsche è contraddittorio, alcuni aspetti della sua opera si prestano ad essere interpretati in modo tendenzioso. Soprattutto il concetto di "Übermensch" che è stato tradotto "uomo superiore" o "superuomo" è stato usato dai nazisti identificandolo con l'uomo superiore della razza ariana.

In realtà il concetto di "Übermensch" corrisponde piùttosto ad un "oltre-uomo", cioè ad un uomo che va oltre i limiti posti dalla tradizionale metafisica. Questo "Übermensch" ha, secondo Nietzsche, abbandonato ogni fede, ogni desiderio di certezza, per reggersi "sulle corde leggere di tutte le possibilità". Non subisce i valori tradizionali, bensì crea quelli nuovi. Il "superuomo" di Nietzsche è un uomo senza patria né mèta che ama la ricchezza e la transitorietà del mondo. Questo è ovviamente un concetto dell'uomo che non ha niente a che fare con quello del nazismo.

Ancora oggi, a 100 anni della sua morte, Nietzsche divide le anime. Lo si può amare o odiare, comunque non può mai lasciare indifferente. E questo è molto per un filosofo.

Indici di tutte le pagine di questo sito:

Sulla Germania e i tedeschi

Sulla lingua tedesca

Sulla letteratura e cultura tedesca

1.000 pagine - piene di informazioni e servizi utili!

Libri in lingua italiana


Libri in tedesco
da amazon.de


Libri in tedesco
da webster.it


Libri usati e d'antiquariato


Traduzioni online


La libreria
di questo sito