La storia della Germania

Ludwig II - re di Baviera

Tutte le città e regioni della Germania Germania - poltica e società Come sono i tedeschi? La lingua tedesca Vivere e lavorare in Germania La letteratura tedesca La cultura tedesca La musica tedesca La storia della Germania
Condividere su Facebook Condividere su Twitter
  
Due ritratti di Ludwig:
A sinistra aveva 20 anni, era alto 1,93 m, e fu ritenuto uno degli uomini più belli della Baviera. A destra aveva 40 anni (nell'anno della morte), era ingrassato e imbruttito dall'abuso di alcool, cibi e farmaci.
fonte: Wikipedia

Breve biografia di Ludwig II:

Chi era Ludwig II di Baviera?

Ludwig II, re della Baviera e amico e mecenate del compositore Richard Wagner, era più un sognatore che un re. Detestava la politica e invece di occuparsi degli affari dello stato preferiva spendere tutto quello che aveva - e anche quello che non aveva - per la realizzazione dei suoi sogni, cioè per la costruzione di sempre nuovi castelli. Non ne aveva ancora terminato uno, che già cominciava la costruzione del successivo castello. Era amato dal popolo - anche se lui non amava molto la gente, preferiva la solitudine - ma era disprezzato in tutti gli ambienti politici, diplomatici ed economici. Alla fine della sua breve e infelice vita, fu dichiarato pazzo da una commissione di medici incaricata dal governo stesso e della casa reale della Baviera.

La sua "pazzia" è tutt'oggi argomento di discussioni accese, la sua vita sregolata è stata spiegata da numerosi punti di vista, è stata accusata e difesa. Ma soprattutto intorno alla sua morte (è annegato, molto probabilmente da suicida, nel lago di Starnberg) si sono create numerose teorie: dall'incidente casuale fino all'assassinio ordinato dallo stato, ce n'è per tutti i gusti.

Insomma, c'è tutto il necessario per trasformare un personaggio difficile e scontroso in una leggenda. Ludwig era omosessuale e si rifiutò di sposarsi, già questo lo metteva in un netto e insanabile contrasto con il suo ambiente. Ma Ludwig era, soprattutto, una figura tragicamente anacronistica che, in fondo, viveva nel secolo sbagliato. Le figure con cui si immedesimava spaziavano dai miti germanici fino a Luigi XIV, il "re sole" della Francia che visse due secoli prima. Ludwig soffriva molto della sua incapacità di ambientarsi nella realtà della seconda metà dell'ottocento, un'epoca in cui l'industrializzazione avanzava e i pensieri repubblicani e democratici si diffondevano sempre di più. Con la dispendiosa costruzione di questi castelli, con uno stile di vita sempre più sregolato, e con un appoggio veramente "reale" al suo amico Wagner, che sfruttava abilmente la debolezza di Ludwig nei suoi confronti, accumulò debiti giganteschi e divenne alla fine sempre più imbarazzante per la casa reale della Baviera.

Una croce segna il punto nel lago di Starnberg (vicino alla località Berg) dove è stato trovato il cadavere del re suicida.
foto: Wolfgang Pruscha

I castelli di Ludwig II:

Il castello Neuschwanstein, d'inverno
Il castello Neuschwanstein, d'inverno
foto: Bayern Tourismus Marketing
Ludwig che voleva godersi i suoi castelli in beata solitudine soffrirebbe parecchio se vedesse i milioni di turisti che oggi, ogni anno, li visitano. E i visitatori di oggi stentano a credere che questi castelli siano stati costruiti appena centocinquant'anni fa, quando c'erano già le ferrovie, le fabbriche e quando nella vita politica esistevano già i primi partiti politici e dei parlamenti (quasi) democratici. Neuschwanstein sembra venuto fuori da una favola medievale, Herrenchiemsee è il risultato del tentativo di imitare e superare lo stile lussuoso di Versailles e Linderhof assomiglia a un giocattolo reale al di fuori di spazio e tempo. Sono tutti e tre bellissimi e se non li avete ancora visti è proprio il caso di andarci! Hohenschwangau invece è il castello dei genitori - ma vederlo è indispensabile per capire come mai Ludwig è diventato quello che era.

Il film "Ludwig" di Luchino Visconti:

Nel 1972, Luchino Visconti girò il film "Ludwig", che fa trasparire non solo una profonda conoscenza della storia e cultura della Germania dell'Ottocento, ma anche una notevole capacità di introspezione psicologica nel personaggio ritrattato. Il film "Ludwig" dura, nella versione integrale, quasi 4 ore. Ma chi si prende questo tempo potrà godersi uno splendido film con un ritratto del così detto "Re bavarese delle favole" che non ha uguali per quanto riguarda l'approfondimento psicologico e la veridicità storica - per quanto ci si può avvicinare alla verità nel caso di quel difficile e discusso re bavarese.

Vedi anche:

La storia della Germania
Tutte le altre pagine sulla
storia della Germania
La regione di Baviera
Tutte le altre pagine sulla regione
di Baviera

Per approfondire:

Ludwig, di Lucchino Visconti
Ludwig
di Lucchino Visconti
2 DVD, 228 min / 1 Blu-ray
Luigi II di Baviera, un prigioniero di un sogno
Luigi II di Baviera,
il prigioniero di un sogno
di Jean Des Cars, 240 pagine

Storia della Germania medievale    Lutero    Storia del Terzo Reich    Le tre Germanie. Germania Est, Germania Ovest e Berlino    Il muro di Berlino
Libri sulla storia della Germania:
dai germani fino ad oggi

Libri di storia e biografie   Libri di storia e biografie   Libri di storia e biografie   Libri di storia e biografie   Libri di storia e biografie
Altri libri sulla storia
e biografie

Documentari sulla storia   Documentari sulla storia   Documentari sulla storia   Documentari sulla storia   Documentari sulla storia
Documentari sulla storia
(DVD e Blu-ray)


Scrivi qui un commento...
Finora non ci sono commenti

Germania-Shop
Libri, film, musica, T-shirt,
gadgets, prodotti tipici tedeschi
Impara il tedesco online e su dispositivi mobili
Impara il tedesco online
e su dispositivi mobili
Traduzioni in 80 lingue
Traduzioni in 80 lingue
consegna in 24h

Newsletter: per essere sempre aggiornati sulle novità!


Copyright, privacy, contatto