Letteratura e cultura tedesca

Friedrich H÷lderlin - vita e opere

Articolo di Daniele Brina.

Friedrich H÷lderlin (1770-1843)
 ritratto dall'amico Franz Karl Hiemer, 1792

Cenni biografici:

Friedrich H÷lderlin nasce a Lauffen am Neckar nel 1770. La sua vita Ŕ subito messa alla prova dalla morte del padre quando ha solo due anni. Inizia fra il 1784 e il 1788 gli studi di teologia prima presso i seminari di Denkendorf e Maulbronn, poi all'universitÓ di Tubinga dove conosce Hegel e Schelling. Nel 1793 viene abilitato all'esercizio di pastore, ma per motivi ideologici si rifiuta di assumere un simile incarico, rivolgendosi piuttosto alla scrittura e alla carriera accademica. Dopo essere entrato in contatto con Herder, Schiller e Goethe a Jena e a Weimar nel 1796 riprende l'attivitÓ di precettore. Successivamente si reca, sempre per tale mansione, a Francoforte sul Meno presso un ricco banchiere della cui moglie Susette s’innamora e che verrÓ cantata con il nome di Diotima. ╚ uno dei pochi periodi felici della sia vita, ma dopo le umiliazioni subýte dal geloso marito di Susette Ŕ soggetto a continue crisi di coscienza. Sempre pi¨ agitato e spesso in stato confusionale si sposta a Homburg vor der H÷he per assumere la carica di bibliotecario; serenitÓ e luciditÓ torneranno a sprazzi nella sua vita fino alla catarsi completa. Si rifugia nella sua torre a Tubinga, sul Neckar. Nell’ anno della morte, il 1843, crea la sua ultima poesia La veduta, che firma con lo pseudonimo di Scardanelli.

La "Torre di H÷lderlin" a Tubinga, sul fiume Neckar
foto: 
Thomgoe

Le opere di H÷lderlin:

Chiaramente gli infiniti dissidi interiori si ripercuotono sulle sue composizioni. H÷lderlin Ŕ lo scrittore che per eccellenza nella letteratura tedesca specifica il ruolo del poeta in quello che lui stesso definisce un tempo senza dŔi. La poesia diviene subito un rifugio, una reazione di contemplazione al mondo che lo circonda e di cui percepisce una profonda spirale negativa. Comincia a produrre inni ed elegie come An die Menschheit, An die Sch÷nheit, An die Freiheit. L’incidenza che ha esercitato sulla cultura Ŕ decisiva; nomi illustri si sono nutriti della sua saggezza e dei suoi contributi letterari e filosofici: Rainer Maria Rilke, Walter Benjamin, Martin Heidegger, Karl Reinhardt. H÷lderlin fonda e plasma una parte dello spirito tedesco. Ascolta i discorsi di Fichte e incontra Hegel e Schelling aTubinga assorbendone idee ed insegnamenti. Fin da giovane si lascia avvolgere da influssi che lo conducono a grandi costruzioni speculative sulla propria epoca.

Considera la voce della natura come fonte inesauribile del linguaggio poetico ed Ŕ con questa premessa che rivolge il suo sguardo all’antichitÓ greca descritta come canone assoluto di armonia dove gli dŔi comunicavano ancora con gli uomini evitando dolori e lacerazioni. L’inno An den Genius Griechenlands (1790) ne Ŕ la prima manifestazione esplicita. Cosý, il letterato inizia il suo viaggio per tentare di salvare la sua epoca, poi definita DŘrftige Zeit, il tempo della miseria. In Grecia gli dŔi 'abitano' ancora il mondo, mentre l’uomo moderno non ha pi¨ nessuno che lo tuteli dal caos (che lui chiama aorgico) che non Ŕ pi¨ in stretta simbiosi e correlazione con il corrispettivo organico, ovvero la natura in armonia. Nella modernitÓ riscontra l’incapacitÓ di conciliare queste due forze procurando una ferita nell’umanitÓ. Ed Ŕ qui che si definisce il compito del poeta, la sua missione: Ŕ colui che deve chiudere questa frattura costruendo un nuovo essere, riportare l’armonia e gli dŔi fra l’uomo. Ecco perchÚ H÷lderlin viene definito il 'poeta ferito'. ╚ lui che con la sua esperienza poetica pu˛ far rinascere un nuovo mondo, donarci una nuova origine grazie alla sua parola incontaminata; formula un nuovo linguaggio come un profeta che prepara una possibile esperienza con il divino che aveva abbandonato l’uomo lasciandolo smarrito.

Le sue liriche esprimono queste idee, sensazioni, nostalgie e frustrazioni. Tra le pi¨ conosciute si possono ricordare An Diotima, dedicata all’amata Susette, Die Fluten des Himmels, Der Mensch, Der Wanderer. Ad Homberg compone Abendphantasie, Der Neckar, Geh unter, sch÷ne Sonne, ma soprattutto quelle rivolte al dovere del poeta, ovvero An unsere gro▀en Dichter, Die scheinheiligen Dichter, An die jungen Dichter. Verso la fine degli anni ’90 del Settecento si dedica anche alla stesura del romanzo epistolare e autobiografico Hyperion oder Der Eremit in Griechenland dove riversa gioia e insieme complessitÓ e difficoltÓ da parte dell’uomo nel poter partecipare della divina immensitÓ del tutto (quello che lui stesso definirÓ En kai Pan, formula greca con la quale si indica l’identitÓ dell’Uno col Tutto ovvero l’armonia globale fra natura, Dio e umanitÓ). Non riuscirÓ invece a portare a compimento la tragedia Der Tod des Empedokles, iniziata nel 1797. ╚ un’opera teatrale che di rappresentabile ha ben poco: Ŕ lirica pura. Anche qui scava nella letteratura greca per recuperare la leggenda della morte del filosofo Empedocle di Agrigento che si era gettato nel cratere dell’Etna. In H÷lderlin viene usato come pretesto per giustificare un sacrificio d’espiazione volto a rifondare e rigenerare religiosamente ed eticamente l’umanitÓ.

Nei suoi inni e nelle sue ultime liriche ribadisce la funzione mediatrice del poeta come vate depositario di quel segreto destinato a redimere l’umanitÓ. La fase finale della sua attivitÓ produttiva, prima del grande silenzio letterario interrotto solo talvolta da qualche verso, assume spesso una forte valenza religiosa e cristologica come testimoniano le tre grandi elegie Heimkunft, Die Herbstfeier e Brot und Wein.
Degna di menzione per la particolare bellezza Ŕ la poesia Andenken, presumibilmente scritta nel 1803. Andenken significa “rimembranza” e qui rianalizza l’essenza stessa del canto poetico, oltre nuovamente alla mansione del poeta; quest’ultimo deve mantenere in vita la parola delle origini, pura e inviolata che solo lui attraverso la sua sensibilitÓ artistica, pu˛ ancora udire. Il poeta diventa il cantore dell’immortalitÓ, di qualcosa che va ricordato, memoria alla quale egli pu˛ ancora aver accesso. H÷lderlin lascia cosý permeare i suoi versi da intuizioni filosofiche che fungono da viatico per combattere la lacerazione del suo tempo e cogliere la profonditÓ di una nuova lingua che possa ricreare quell’autenticitÓ perduta dall’uomo. ╚ proprio nella capacitÓ di cogliere questa scissione, frammento e spaccatura che si racchiude la folgorante grandezza di questo lirico tedesco.
H÷lderlin
Autografo di H÷lderlin
  

Per approfondire:


Wilhelm Waiblinger:
Friedrich H÷lderlin - Vita, poesia e follia
per saperne di pi¨

Commenta questa pagina:

Finora non ci sono commenti ...

Altre pagine su Friedrich H÷lderlin:

Tutte le pagine sulla letteratura tedesca tra il 1750-1900:

Tutte le pagine sulla letteratura tedesca:

Tutte le pagine sulla letteratura austriaca:

Consigli:

Iscriviti gratuitamente alla newsletter:

Tutti i capitoli di www.viaggio-in-germania.de:

Tutte le cittÓ e regioni della Germania  Tutti i servizi per il vostro viaggio in Germania  SocietÓ, politica ed economia  Come sono i tedeschi?  Vivere e lavorare in Germania
Lingua tedesca  Letteratura tedesca  Arte, cultura, filosofia, scienza  Cinema tedesca  Musica tedesca  Storia della Germania  Germania-Shop

Copyright, privacy, contatto