www.viaggio-in-germania.de

Viaggio in Germania - La storia

Georg Elser - una bomba contro Hitler

Hitler - biografia di un dittatore

Hitler - la sua ascesa al potere

La rivoluzione del 1918/19 e la stampa italiana

La Caduta (il film)

L'ideologia di Hitler: la teoria razziale e l'antisemitismo

Da dove viene l'odio verso gli ebrei?

I tedeschi e il nazismo

La seconda guerra mondiale

Hitler in Alto Adige

La resistenza tedesca contro Hitler

La resistenza austriaca contro Hitler

La Rosa Bianca

Georg Elser - una bomba contro Hitler

I giovani nel Terzo Reich

Oskar Schindler non era l'unico

Il campo di concentramento di Dachau

Il campo di concentramento di Mauthausen

"Da bambina incontrai Hitler"

Tra arte e nazismo - Leni Riefenstahl

Storie di bambini nei ghetti e nei lager

Vivere con la stella gialla

Hitler und Mussolini

2000 anni di storia

Libri sulla storia della Germania

Storia del dopoguerra

Hitler e il nazismo

Bismarck e la fondazione della Germania

Storia dell'Austria

La guerra dei trent'anni

Martin Lutero
e la riforma

Federico II

Antisemitismo

Storia della lingua

Storia del maggiolino

Storia della birra

Joachim Fest: Hitler. Una biografia

Joachim Fest:
Hitler - una biografia


Altri libri sulla storia tedesca

Home > Storia tedesca > Repubblica di Weimar, Hitler e il nazismo > Georg Elser

Articolo di Annette Neises.



Nella foto si vedono gli effetti devastanti della bomba esplosa nel 1939 in una grande sala a Monaco, preparata, costruita e piazzata dal falegname Georg Elser (nel riquadro in alto). Hitler, che in questa sala aveva tenuto un discorso, era uscito 10 minuti prima dell'esplosione. È uscito in anticipo perché, a causa del brutto tempo, doveva partire per Berlino col treno invece che con l'aereo. Se invece il tempo fosse stato bello...

I due doganieri

I due doganieri appostati davanti a una delle finestre del collegio Wessenberg a Costanza ascoltavano alla radio con attenzione il discorso del 'Führer' da Monaco. Era l'anniversario del 'Putsch' del 8 novembre 1923 nel quale erano morti sedici vecchi camerati di Hitler. E come ogni anno il dittatore parlava davanti ai vecchi camerati di quella prima battaglia e ad alcuni dirigenti del partito nel famoso Bürgerbräukeller dove 16 anni prima era cominciato il suo primo, fallito, tentativo di prendere il potere in Germania. Ma questa volta il discorso fu più breve del solito e il 'Führer', invece di rimanere per festeggiare con i suoi camerati, se ne andò subito per raggiungere il treno che lo avrebbe riportato a Berlino. Lì lo aspettavano problemi ben più importanti: i suoi generali si erano opposti al suo piano di cominciare l'attacco su fronte occidentale in quei giorni e il 9 novembre ci doveva essere la decisione definitiva. Per le cattive condizioni meteorologiche non era stato possibile prendere l'aereo.

Ad un tratto i due doganieri videro un persona aggirarsi nel giardino del collegio ed avvicinarsi alla frontiera svizzera. Il doganiere Joseph Reitlinger - dopo aver dato un secco altolà - si portò verso la persona, che non oppose alcuna resistenza. L'uomo, di piccola statua e vestito in modo semplice, gli mostrò un lasciapassare scaduto da quattro anni e disse di essersi perso mentre cercava un conoscente. Reitlinger lo portò alla vicina dogana, dove durante la perquisizione vennero fuori degli strani oggetti dalle tasche del fermato: pezzi di orologeria, viti, un tubo metallico e una cartolina del Bürgerbräukeller. I funzionari non dettero nessuna attenzione a quella cartolina. Solo qualche ora dopo, quando arrivò la notizia che a Monaco c'era stato un attentato contro il 'Führer', cominciarono a pensare a un eventuale collegamento fra questo piccolo artigiano, magro e poco appariscente, e la bomba fatta esplodere nel Bürgerbräukeller alle ore 21,30 di quella stessa sera. Il giorno dopo Elser venne portato a Monaco nella sede della Gestapo, dove il 14 novembre, dopo interminabili interrogatori, confessò l'attentato. Ma chi era questo artigiano dall'aspetto così modesto, che tutto da solo aveva tentato quello che in tanti, anche dotati di molti più mezzi, credevano impossibile, cioè di eliminare il dittatore?


Georg Elser era nato nel 1903


Georg Elser era nato il 4 gennaio del 1903 a Hermaringen, un piccolo borgo nel sud della Germania. Era il primo di quattro bambini e fin da piccolo dovette aiutare nella piccola fattoria dei genitori. A sedici anni cominciò un apprendistato da falegname. Prima aveva già fatto un anno di tornitore, ma il lavoro non gli era piaciuto. Come falegname, Georg si sentì per tutta la sua vita come un artista nel suo mestiere. Non lavorava mai solo per soldi, ma anche per il suo bisogno di creare piccoli pezzi d'arte. Dopo l'apprendistato di tre anni trovò un posto in una fabbrica di mobili. Però con un amico si lamentò della sua condizione: era il 1923, lo stato economico della giovane Repubblica di Weimar era disastrosa, l'inflazione aumentava di giorno in giorno e il giovane si era reso conto che per tante ore di lavoro il salario era diventato un'intollerabile miseria.

Negli anni successivi cambiò spesso lavoro, lasciò anche il suo paese e andò a Costanza a cercare un'occupazione. Ma anche lì non trovò niente che potesse soddisfare veramente la sua voglia di lavorare con creatività. Inoltre la situazione economica stava precipitando di nuovo: spesso le ditte presso le quali lavorava chiudevano. In quel periodo gli giunse una lettera di sua madre, che gli chiedeva di tornare a casa dove il padre, sempre ubriaco, stava rovinando la famiglia. E Georg, ubbidiente, tornò a casa, anche se inutilmente: poco tempo dopo dovettero vendere la fattoria e il giovane falegname si allontanò di nuovo dalla famiglia.

Georg Elser ritorna nel suo paese verso la fine del 1932 . Il 30 gennaio 1933 Hitler viene nominato Cancelliere dall'oramai troppo vecchio Presidente Hindenburg. A Königsbronn, il paese di Elser cambia poco per il momento. Anche per Georg continua la vita difficile di sempre, senza grandi cambiamenti. Cambia spesso lavoro, sia perché gli vengono tolti dalla paga gli alimenti per un figlio illegittimo a Konstanz, sia perché il lavoro sta diventando sempre più automatizzato: non conta più la bravura artigianale, alla quale Georg tiene tanto, bensì la quantità. La politica non l'interessa molto, non gli piace discuterne, ma si trova bene con gente con cui divide le stesse opinioni e con la quali si intende senza troppe parole. Così già dagli anni a Konstanz si è avvicinato a gruppi politici della sinistra. Però non partecipa mai attivamente al lavoro di questi gruppi, anche perché il suo pensiero politico non è frutto di ideologia, bensì dell'osservazione della situazione sociale. Egli, al contrario degli altri tedeschi, misura le promesse dei Nazionalsocialisti con la realtà, fa i suoi calcoli e nota la notevole diminuzione del guadagno reale negli anni della dittatura. Inoltre comincia nel 1938 a sentire il rischio di un'altra guerra mondiale.


Ma quale reale possibilità esiste di cambiare il governo?


Ma quale reale possibilità esiste di cambiare il governo e di evitare una nuova guerra? Georg giunge alla conclusione che bisogna eliminare il gruppo dirigente del partito, Hitler e i suoi amici. Solo così sarà possibile fermare la follia nazista. E dal momento che prende quella decisione, lavora con tenacia all'esecuzione del suo piano incredibile di uccidere egli, un piccolo artigiano della più sperduta campagna sveva, Hitler, il grande dittatore. Per prima cosa va a Monaco ad osservare da vicino le festività dell'8 novembre 1938 nel Bürgerbräukeller e nota che non esiste una sorveglianza speciale della sala. Di ritorno a Königsbronn si accinge al difficile lavoro di progettare un ordigno a tempo da nascondere nella colonna davanti la quale Hitler di solito faceva il suo discorso. Finalmente riesce nel intento usando una sveglia. Ma l'altro grande problema, trovare l'esplosivo, è un' impresa quasi impossibile sotto la sorveglianza del sistema totalitario. Lo risolve cercandosi un lavoro in una cava, dove tutti i giorni vengono usate grandi quantità di esplosivo. Il 5 agosto 1939 finalmente tutto è pronto. Georg parte per Monaco dove comincia il lavoro più difficile e faticoso: scavare uno spazio abbastanza grande nella colonna per sistemarci l'ordigno.


Georg Elser ci lavora per più di due mesi


Georg Elser ci lavora per più di due mesi, notte dopo notte, nel buio quasi totale illuminato solo da una piccola torcia, in ginocchio, sempre attento a non fare troppo rumore. Ha inventato un sistema per chiudere il pannello di legno della colonna durante il giorno. Così si fa chiudere dentro ogni sera e dopo la partenza degli ultimi camerieri continua il suo incredibile lavoro solitario.

Dopo mesi di lavoro finalmente il 5 novembre pone la bomba nella colonna. Il 7 novembre, dopo una breve visita da sua sorella a Stuttgart, ritorna nel Bürgerbräukeller per controllare il giusto funzionamento del congegno ad orologeria. Convintosi che tutto funziona perfettamente parte per Konstanz per passare illegalmente la frontiera con la Svizzera, dove viene fermato dal doganiere Joseph Reitlinger che più tardi verrà promosso per quel gesto.


Mezz'ora dopo esplode la bomba


Quando mezz'ora dopo la bomba esplode, Hitler ha già lasciato il Bürgerbräukeller per ritornare a Berlino e con lui tutti i quadri dirigenti del partito. Muoiono otto persone fra vecchi camerati, camerieri e spettatori e Hitler comincia a parlare della provvidenza. Per quanto riguarda i mandanti dell'attentato, la propaganda parla di un complotto dei servizi segreti inglesi.

Non poteva succedere di meglio in quel momento difficile per Hitler. L'attentato e la prova che i mandanti erano inglesi poteva dargli un ottima spinta propagandistica per l'attacco alle truppe alleate schierate ad ovest. Quello che assolutamente non serviva era un attentatore tedesco, in più semplice artigiano, che aveva ideato e eseguito tutto da solo. Perciò Georg Elser viene portato a Berlino nel centro della Gestapo per ulteriori interrogatori per tirargli fuori con tutti i mezzi i nomi dei suoi mandanti. Ma Elser continua a ripetere la sua storia e siccome non cede, viene mandato in un campo di concentramento in trattamento speciale. Non gli succede niente perché Hitler ha un piano, un progetto tipico della mente malata del dittatore: vuole organizzare un processo spettacolo a Londra, dopo che le sue truppe avranno occupato la Gran Bretagna. Siccome non ci arriverà mai, Georg Elser rimarrà fino al 1944 nel campo di concentramento di Sachsenhausen, da dove sarà trasferito nel campo di Dachau, vicino a Monaco. E li verrà ucciso il 9 aprile 1945, un mese prima della fine della guerra, per ordine personale del capo della SS Heinrich Himmler.


Fu solo per poco che il piano di Georg Elser fallì


Fu solo per poco che il piano di Georg Elser fallì, solo per una manciata di minuti l'umile artigiano non riuscì a risparmiare al mondo gli orrori e i milioni di morti legati alla dittatura nazista. Georg Elser non fu un eroe, fu solo un uomo onesto che dopo una lunga riflessione aveva deciso di agire contro la dittatura da solo, senza alcuna organizzazione dietro di sé. Per questo non ha nulla di spettacolare, niente a che vedere con gli attentatori del '44, alti ufficiali per lo più di origine nobiliare . Ed è per questo, forse, che è stato dimenticato: non solo non appare in nessun libro scolastico, ma persino in un grande volume di più di seicento pagine sulla resistenza a Hitler, pubblicato dall'agenzia tedesca federale di formazione politica, gli vengono dedicate appena quattro righe per costatare il fatto della sua uccisione nel 1945. Tanta poca attenzione si può forse spiegare: egli fu la prova vivente che anche una persona semplice e umile poteva fare qualcosa contro il regime nazista, senza grandi mezzi o una potente organizzazione dietro di sé. Una constatazione che urta la coscienza dei troppi che videro l'orrore e non seppero far altro che girare il capo dall'altra parte.

Anette Neises
annetteneises@libero.it

Altre pagine sulla resistenza contro Hitler:

La Rosa Bianca
"La Rosa Bianca", il film che ha vinto l’orso d’argento al Festival di Berlino, è arrivato nelle nostre sale e narra gli ultimi sei giorni di Sophie Scholl prima della decapitazione ad opera dei nazisti.
Georg Elser - una bomba contro Hitler
Più volte, la resistenza tedesca contro Hitler mancò solo per un pelo il successo, cioè l'eliminazione fisica di Hitler o un colpo di stato contro di lui.
[2 pagine]
I giovani nel Terzo Reich tra adattamento e resistenza
Per i nazisti il controllo ideologico dei giovani era di primaria importanza. Il mondo dei giovani tra adattamento e resistenza viene illustrata nella conferenza di Gerd Neises che ha vissuto quel periodo da ragazzo e che in questa conferenza parla anche di propria esperienza. 
[2 pagine]
Oskar Schindler non era l'unico
Oskar Schindler, conosciuto dal celebre Film di Spielberg "Schindler's List", che salvò 1200 ebrei dalla morte sicura non era da solo; c'erano anche altre persone in Germania e in altri paesi d'Europa che rischiavano - e spesso perdevano - la propria vita aiutando gli ebrei.
[2 pagine]
La resistenza austriaca contro Hitler
Visita guidata virtuale alla mostra "La virtù nascosta", dedicata alla resistenza austriaca al nazismo.
[pagine di www.viaggio-in-austria.it]

Per approfondire:

Adolf Hitler, la Repubblica di Weimar e la seconda guerra mondiale
Tutti hanno sentito parlare di Hitler. Ma chi era veramente? La risposta trovate qui, nel testo integrale di una conferenza (in lingua italiana) che potete leggere online o scaricare nel vostro computer. 
[testo di una conferenza]

Vedi anche:

Archivio di tesi di laurea e di tesine
Tesi su Lingua, letteratura, cultura e storia tedesca. [capitolo]
Tutte le pagine sulla storia della Germania
Dal medioevo fino ad oggi.

Indici di tutte le pagine di questo sito:

Sulla Germania e i tedeschi

Sulla lingua tedesca

Sulla letteratura e cultura tedesca

Libri di storia
e biografie
in lingua italiana


Libri sulla storia tedesca
in lingua tedesca


Libri usati e d'antiquariato


Traduzioni professionali


Tutto per il
vostro viaggio
in Germania