www.viaggio-in-germania.de

Viaggio in Germania - Letteratura e cultura tedesca

Friedrich Dürrenmatt: "La morte della Pizia"

Capitolo su Friedrich Dürrenmatt

Dürrenmatt:
"I fisici"

Il conflitto tra scienza e etica nel teatro tedesco

Dürrenmatt: "La morte della pizia"

Heinrich Böll

Günter Grass

Friedrich Dürrenmatt

Peter Weiss

Doris Dörrie

Friedrich Christian Delius

Thomas Bernhard

Christoph Ransmayr

Helga Schneider

Inge Deutschkron

Herta Müller

Reiner Kunze

Brigitte Burmeister

La letteratura
nella DDR

Letteratura tedesca: secoli ed epoche

Luca Crescenzi:
Letteratura tedesca - secoli
ed epoche


Altri libri sulla letteratura tedesca

Home > Letteratura tedesca > Letteratura dopo il 1945 > Friedrich Dürrenmatt > La morte della pizia

"La morte della Pizia" è un divertente racconto di Dürrenmatt che smonta in maniera magistrale i mostri sacri della mitologia greca. Invito alla lettura a cura di Sabrina Bottaro.


La sacerdotessa Pizia e Apollo

"La Pizia profetava a casaccio, vaticinava alla cieca,
e poiché altrettanto ciecamente veniva creduta,
nessuno ci faceva caso se le sue profezie non si avveravano quasi mai,
o solo qualche rara volta…
"

Friedrich Dürrenmatt ne "La morte della Pizia"

Nella mitologia greca, la Pizia era l’eletta sacerdotessa del dio Apollo a Delfi che, seduta sul suo tripode e avvolta dal vapore, profetizzava agli uomini il volere degli dei attraverso uno spiritato (e solenne) vaticinio, quasi una liturgia della religione politeista. Nel racconto "La morte della Pizia" di Friedrich Dürrenmatt, pubblicato nel "Mitmacher" nel 1976, la profetessa di Apollo diventa “un’imbrogliona che improvvisava gli oracoli a casaccio, secondo l’umore del momento”, l’ultima delle pizie che appaiono come la versione antica delle cartomanti di oggi.
.

Friedrich Dürrenmatt, scrittore svizzero del Novecento (1921-1990), tiene in modo particolare alla parodia (un altro tentativo riuscito è "Il Minotauro") e con questo racconto, piccolo capolavoro della burla ironica, ci presenta un mito che assomiglia a una caricatura, prendendo tuttavia le dovute distanze dalla satira e dal sarcasmo infondato. Perché la messa in ridicolo della Pizia è motivata dalla ragione prima del suo autore, ovvero l’investigazione e l’interpretazione dello straordinario arcano, il protagonista assoluto del racconto, che fa uscire pazzi gli antichi greci che gli si accostavano con fede incondizionata.

Chi è Sabrina Bottaro,
l'autrice di questo testo?


Sabrina è laureata in "Lingue e Letterature Straniere". Si interessa di critica letteraria, cinema, letteratura e scrittura creativa. Ha frequentato un corso di formazione editoriale e lavora come insegnante di lingue e come traduttrice freelance.

La Pizia di Dürrenmatt è una vestale stanca e vecchia che desidera “morire con dignità, almeno quello, senza fare sciocchezze” perché “da tempo ormai quel che accadeva in Grecia non le importava più.” La Pizia di Dürrenmatt “si cucinava il semolino e lo lasciava lì perché si addormentava”. Questa Pizia è una forza della natura a giudicare dalle frasi misantrope e selvagge che mai avremmo immaginato di sentire da un’austera sacerdotessa di Apollo, una leggenda, un’icona, in fondo triste e decadente, che ha costruito il suo mito intorno all’assurdo e invadente desiderio dell’uomo di sapere oltre i confini.

Il punto di svolta del racconto è la riflessione della Pizia ormai prossima alla morte che, nel luogo dove ha lavorato per tutta una vita, “si domandò come avvenisse il morire: era emozionata, pregustava l’avventura”, quasi come se non vedesse l’ora di liberarsi del fardello della curiosità senza limite degli esseri umani. In una divinazione diciamo “privata” dove ella interagisce con gli altri miti durante una specie di visione, la Pizia ripercorre la sua sfolgorante carriera, lanciandosi in teorie e divinazioni bizzarre sul fantastico mondo al quale appartiene: la storia incredibile di Edipo, la forza sovraumana di Eracle, la sua personale e storica rivalità con il gran sacerdote Tiresia, il matrimonio di Cadmo e Armonia, la Sfinge, “quel beone di Prometeo”, personaggi che le parlano ricordando la loro vecchia amicizia. Poco importa se, nella sua riflessione, la Pizia definisce l’attività di Apollo (la nascita e il tramonto del sole portato a spasso sul carro condotto dallo stesso dio) come “il solito, sempiterno spettacolo kitsch”. La Pizia riflette infine sugli uomini e sulla loro natura, sulla giustizia fino all’ultima, sagace profezia che li riguarda. Il racconto si conclude con un colpo di scena repentino e minaccioso, ma forse il lettore si aspettava qualcosa del genere alla fine di una lettura così irriverente che non poteva terminare soltanto fra scenografici vapori mistici e oracoli dietro compenso per pagare la pensione alla Pizia.

C’è un solo motivo per leggere "La morte della Pizia" ed esso risiede nella più assoluta e totale presenza spassosa di ironia e di arguzia sulle narrazioni fantastiche considerate forse un capitolo a parte della letteratura greca. Se ciò ancora non convince, citiamo le prime righe del racconto come corroborante invito alla lettura: “Stizzita per la scemenza dei suoi stessi oracoli e per l’ingenua credulità dei Greci, la sacerdotessa di Delfi Pannychis XI, lunga e secca come quasi tutte le Pizie che l’avevano preceduta, ascoltò le domande del giovane Edipo, un altro che voleva sapere se i suoi genitori erano davvero i suoi genitori, come se fosse facile stabilire una cosa del genere nei circoli aristocratici, dove, senza scherzi, donne maritate davano a intendere ai loro consorti, i quali peraltro finivano per crederci, come qualmente Zeus in persona si fosse giaciuto con loro”.

Sabrina Bottaro

Per approfondire:

La morte della pizia

Clicca qui per ordinarlo

 

Vedi anche:

Arte, cultura, musica, cinema e filosofia - made in Germany
La pittura tedesca, il cinema che parla tedesco, la filosofia da Paracelso a Lutero a da Nietzsche a Freud. La musica da Mozart e Beethoven fino alla musica rock, pop e techno di oggi. Scambi culturali italo-tedeschi.
[capitolo]

Tutte le pagine sulla letteratura tedesca
Da Goethe e Schiller a Grass e Böll. Dai Nibelunghi al Dottor Faust. Dalla fiera dei libri a Francoforte al Projekt Gutenberg.
 [capitolo]
Archivio di tesi di laurea e di tesine
Tesi su Lingua, letteratura, cultura e storia tedesca. [capitolo]

Vedi anche:

Tutte le pagine sulla Svizzera
La Svizzera: un paese con quattro comunità linguistiche che convivono in santa pace. Un paese che negli ultimi 200 anni non ha partecipato a nessuna guerra. Un paese amato dai turisti. Qui tutte le pagine per conoscerlo meglio.

Iscrivetevi gratuitamente:

Per essere sempre aggiornati sulle novità!

Indici di tutte le pagine di questo sito:

Sulla Germania e i tedeschi

Sulla lingua tedesca

Sulla letteratura e cultura tedesca

La libreria
di questo sito


Libri in tedesco
da amazon.de


Libri in tedesco
da webster.it


Libri usati e d'antiquariato


Traduzioni online


250 biglietti da visita - gratis



La Germania in Facebook