La storia della Germania

Il campo di concentramento di Dachau (2):

Condividere su Facebook

Il campo all'esterno:

Il campo di concentramento di Dachau

L’ingresso del campo visto dal vialetto che i condannati percorrevano prima di accedervi. Lì arrivavano infatti i treni da ogni parte d’Europa per scaricare i deportati. La palazzina funge da tragico memoriale; molti di quelli che varcavano quella soglia non uscìvano più a rivederne l’esterno.

Testo e foto: Daniele Brina
Il campo di concentramento di Dachau

Superato l’ingresso si apre lo scenario: un enorme senso di vuoto e di immenso che inizialmente lascia disorientati. Sulla sinistra la ricostruzione di una delle baracche per tentare di dare una vaga idea di come fossero i luoghi dove vivevano accolti i malcapitati.

All’interno del campo le uniche baracche presenti sono ormai delle ricostruzioni. Alcune delle baracche erano per i prigionieri lavoratori, altre per i malati e gli invalidi. Una baracca era invece riservata ai prigionieri che dovevano essere puniti in modo più severo.

Nell’area circostante però sono state ricreate le strutture presenti nel campo tracciandone e delimitandone il perimetro. L’idea è quella di grosse costruzioni in legno in cui venivano stipati centinaia di uomini.

Il campo di concentramento di Dachau

Il crematorio “nuovo”. A Dachau infatti sono presenti due crematori: uno per “lo smaltimento artigianale” dei cadaveri. L’altro, decisamente più grande simile alla costruzione che si vede nell’immagine per uno “smaltimento più industriale e programmato”. Il vialetto che conduce a questo luogo suscita terrore. Il grosso comignolo che spunta dietro il crematorio parla da sé senza la scritta Krematorium sulla targa antistante la tetra costruzione.

Il campo all'interno:

Il campo di concentramento di Dachau

I forni crematori. L’immagine esprime tutta la sua crudeltà ed è forse uno degli emblemi dello sterminio. Il punto finale della fabbrica della morte, dove ogni giorno decine e decine di corpi venivano inceneriti per ‘ovviare’ e ‘ottimizzare’ lo smaltimento dei cadaveri.

Il campo di concentramento di Dachau

Panche di legno nudo e crudo, solitamente disposte su tre piani, rappresentavano le ‘confortevoli’ condizioni in cui i detenuti dovevano dormire.

Il campo di concentramento di Dachau

All’interno del museo del campo: alla parete viene esposta un’immagine dell’epoca con spiegato il sistema di identificazione dei prigionieri, il cosiddetto "Kennzeichnung der Häftlinge in den Konzentrationslagern". Esso codifica i perseguitati con gli ormai famosi contrassegni triangolari:

triangolo nero = asociali,
triangolo verde = criminali,
triangolo blu = immigranti o lavoratori stranieri,
triangolo viola = testimoni di Geova,
triangolo rosa = omosessuali;
triangolo rosso = prigionieri politici.

Un piccolo cerchio nero circondato da un cerchio vuoto identificava le persone assegnate ai battaglioni penali, se il cerchio invece era rosso indicava un prigioniero sospettato di fuga.

Quando ad un triangolo veniva sovrapposto un altro triangolo invertito di colore, significava che il prigioniero era un ebreo ausiliare.

Un triangolo rosso sovrapposto ad un triangolo indicava un detenuto politico ebreo, un triangolo sovrapposto ad un triangolo rosa indicava un omosessuale ebreo.

Il triangolo nero vuoto sovrapposto ad un triangolo indicava un ebreo che era stato accusato di violare le leggi naziste sulla purezza della razza, intrattenendo una relazione con una donna ariana.

Il simbolo inverso, ovvero un triangolo sovrapposto ad un triangolo nero identificava una donna ariana accusata di avere una relazione con un ebreo.

Il campo di concentramento di Dachau

L’interno delle camere a gas del campo. All’ingresso sembravano comuni docce con tanto di scritta “Brausebad”. Esse erano collocate proprio in prossimità del crematorio. L’atmosfera è agghiacciante, oltre a conferire, già di per se stessa, l’idea di soffocamento dovuto alla scarsa altezza della stanza.

Il campo di concentramento di Dachau

Un lavandino comune riallestito in una baracca di Dachau.

Il campo di concentramento di Dachau

All’interno del museo del campo si trova questo strumento di tortura: un tavolino basso davanti al quale il prigioniero si doveva appoggiare in ginocchio,veniva legato alle caviglie e dopo di che subiva numerose vergate. Questo veniva usato per evitare che il deportato, dopo aver subito diverse bastonate potesse svenire cadendo a terra. Anche dopo la perdita dei sensi, con questo sistema, avrebbero continuato a subire il loro supplizio.

Il campo di concentramento di Dachau
Torna alla pagina principale
sul campo di concentramento di Dachau

Libri per approfondire:

Hitler - una biografia
Hitler -
una biografia
di Joachim Fest
La Germania nazista e gli ebrei
La Germania nazista
e gli ebrei
di Saul Friedländer
Storia del Terzo Reich
Storia del Terzo
Reich (2 vol.)
di William L. Shirer
Lei lo sapeva? I tedeschi rispondono
Lei lo sapeva? I tedeschi rispondono
di W. Kempowski
Storia della Germania   Lutero   Bismarck   Le tre Germanie. Germania Est, Germania Ovest e Berlino   Il muro di Berlino
Libri sulla storia della Germania:
dai germani fino ad oggi

Potrebbero interessarti anche:

Libri di storia e biografie   Libri di storia e biografie   Libri di storia e biografie
Storia e biografie
(libri)
Documentari sulla storia   Documentari sulla storia   Documentari sulla storia
Documentari sulla storia
(DVD e Blu-ray)

Sulla città di Dachau:

Dachau
Dachau -
informazioni turistiche

Scrivi qui un commento...
Finora non ci sono commenti

Scopri di più su:

Storia della Germania (1918-1945)
La storia della Germania (1918-1945)
La Baviera
La Baviera
Germania-shop
Germania-shop:
Libri, film, musica, T-shirt,
vestiti e prodotti tipici tedeschi
La Germania in Facebook
"Mi piace la Germania"
un gruppo di Facebook
vivace e simpatico

Newsletter: per essere sempre aggiornati sulle novità!


Copyright, privacy, contatto