Viaggio in Germania - storia tedesca

La Germania nella seconda guerra mondiale (1a parte):
Hitler prepara la guerra

Adolf Hitler arrivò al potere nel 1933. Appena sei anni dopo trascinò mezzo mondo nella più grande carneficina dell'umanità: la seconda guerra mondiale
con 55 milioni di morti. Articolo in due parti.
Hitler e Mussolini
I due dittatori Hitler e Mussolini,
alleati durante la seconda guerra mondiale
Tutte le foto in questa pagina: Wikipedia

Perché Hitler voleva la guerra?

Hitler aveva fortemente voluto questa guerra, fin
dall'inizio della sua carriera politica, e l'aveva preparata prima ideologicamente e poi anche materialmente. A differenza dalla prima guerra mondiale fu una guerra che nessun altro in Europa aveva voluto o cercato.

Nel 1924, nove anni prima di arrivare al potere, Hitler scrisse il libro "Mein Kampf" (prima pubblicazione nel 1925) in cui gettò la base teorica del suo pensiero e del movimento nazista.
Vedi anche
la seconda parte:


Dalle guerre lampo
a Stalingrado
(in preparazione)


La prima edizione del 1925 di "Mein Kampf"
(La mia battaglia) di Adolf Hitler

Al centro della teoria di Hitler stava l'idea della razza. Tutta la storia, dice Hitler nel suo libro, è solo espressione dell'eterna lotta tra le razze per la supremazia. La guerra è l'espressione naturale e necessaria di questa lotta in cui il vincitore, cioè la razza più forte, ha il diritto di dominare. L'unico scopo dello stato è mantenere sana e pura la razza e creare le condizioni migliori per la lotta per la supremazia, cioè per la guerra. E la guerra è l'unica cosa che può dare un senso più nobile all'esistenza di un popolo. Di tutte le razze quella cosiddetta "ariana" o "nordica" è, secondo Hitler, la più creativa e valorosa, in fondo l'unica a cui spetta il diritto di dominare il mondo.

Tradotto nella realtà questo significava per Hitler prima, l'unificazione del continente europeo sotto il dominio della Germania, per cercare poi nuovo spazio vitale all'est, cioè in Polonia e in Russia. Ma questo doveva essere, come scrive Hitler, solo il preludio dell'ultima grande sfida, dello scontro finale contro gli Stati Uniti.

É un fatto singolare e significativo, che l'andamento reale della seconda guerra mondiale rispecchiò quasi esattamente questa teoria, che Hitler aveva sviluppato 14 anni prima dell'inizio della guerra. Chi voleva avrebbe potuto saperlo, ma all'epoca quasi nessuno lo prendeva sul serio.
Per saperne di più: L'ideologia di Hitler: la teoria razziale e l'antisemitismo

1933-1939:  Hitler fa sparire la disoccupazione - preparando la guerra

Quando, nel gennaio del 1933 Hitler diventò Cancelliere, in Germania c'erano 6 milioni di disoccupati, la politica era in agonia e sulle strade dominava la violenza politica soprattutto tra comunisti e nazisti con morti e feriti quasi ogni settimana. Hitler aveva conquistato molti tedeschi con la sua promessa di mettere fine alla disoccupazione e alla crisi economica e politica del paese.


Hannover, 1929: coda di disoccupati davanti all'ufficio di collocamento.
A sinistra in alto si vede una scritta sul muro "Wählt Hitler (Votate Hitler)"

Dopo solo 4 anni, nel 1937, i disoccupati erano quasi del tutto spariti, si era raggiunta la piena occupazione. E i prezzi e i salari erano rimasti stabili, senza un'ombra di inflazione, e tutto questo mentre negli altri paesi la crisi continuava. Era successo quello che nessuno aveva creduto. Non c'era più la disperazione degli ultimi anni della repubblica di Weimar, adesso si ricominciava a sperare e a godersi un modesto benessere. Milioni di operai che prima votavano socialdemocratici o comunisti scoprirono ora con sorpresa che proprio Hitler, il nemico numero uno, aveva riportato pane e lavoro.

Ma questo "miracolo economico", che sembrava l'argomento più forte a favore di Hitler, era caratterizzato da tre fattori:

• un massiccio incremento della produzione militare che nel '38 arriva al 25% dell'intera produzione industriale
• un indebitamento dello stato senza precedenti che, tra il 1933 e il 39, si quadruplica
• una crescente autarchia economica della Germania, necessaria per l'entrata in una guerra.

1933-1939: Investimenti pubblici - indebitamento dello stato

  Investimenti
nei servizi pubblici
Investimenti
nelle forze armate
Indebitamento
dello stato
Disoccupati
(in milioni)
1933 0,6 0,7 12,0 6.0
1935 1,0 5,2 14,6 3,1
1937 1,2 11,0 25,5 0,5
1939 0,9 26,0 43,0 0,4

Le cifre degli investimenti in servizi pubblici, forze armate e dell'indebitamento dello stato sono indicate in miliardi di marchi.

Questo cosiddetto "miracolo economico" fu possibile solo perché il libero mercato era praticamente abolito. La dittatura totale che Hitler creò in pochissimo tempo non riguardò solo la società ma anche l'economia. Hitler non aveva la minima intenzione di creare un'economia stabile e ordinata, lo scopo dell'economia era unicamente preparare la guerra che Hitler vide come l'ultimo obiettivo della sua politica. Lo sviluppo economico della Germania in quegli anni era talmente squilibrato per il totale dirigismo statale e talmente gonfiato dalla smisurata produzione militare che poteva finire solo in due modi: o, prima o poi, in un crollo verticale dell'economia, o nella guerra. Hitler lo sapeva benissimo, infatti nel 1938 disse: "La nostra situazione economica è tale che potremmo reggerla solo per pochi anni ancora. Pertanto non abbiamo tempo, dobbiamo agire."

Una fabbrica tedesca che produceva armamenti

La politica estera di Hitler prima della guerra

Anche nella politica estera Hitler poteva presentare un "successo" dopo l'altro: Nel 1935 reintrodusse - contro il trattato di Versailles - il servizio militare obbligatorio. Nello stesso anno, la regione della Saar, ceduta alla Francia dopo la guerra, tornò alla Germania, dopo un plebiscito. Nel 1936 le truppe tedesche rientrarono nella Renania - che, secondo i trattati internazionali, doveva rimanere smilitarizzata. Nel 1938 venne annessa l'Austria, che accolse le truppe tedesche con enorme entusiasmo. Nello stesso anno venne occupata anche la Regione dei Sudeti, la zona dei tedeschi nella Cecoslovacchia. Anche qui i soldati tedeschi furono accolti con grande entusiasmo da quelli che si sentirono finalmente liberati.


1938: dopo l'annessione dell'Austria, Hitler parla a Vienna
davanti a decine di migliaia di entusiasti ascoltatori.

In fondo Hitler fece quello che voleva. All'estero ogni tanto si protestò ma non succedesse niente di più. Nel 1933 la Germania, per le disposizioni del trattato di Versailles, aveva un esercito di appena 100.000 uomini, senza armi moderne, senza aeronautica militare. Nel 1938, dopo solo 5 anni, la Germania era diventata la potenza militare più forte dell'Europa.


Spagna 1937: durante la guerra civile l'aviazione tedesca distrusse completamente la città di Guernica che divenne un simbolo della crudeltà di questa guerra.

Una specie di prova generale fu per Hitler la guerra civile spagnola in cui la "Legion Condor", un'unità aerea appartenente alla Germania, formata da alcune migliaia di volontari, agì (sotto copertura) in supporto alle forze nazionaliste di Francisco Franco. La Legion Condor aveva l'esplicito incarico di sperimentare nuovi aerei e nuove tecniche di bombardamenti che sarebbero stati utili durante la seconda guerra mondiale.

In pubblico, Hitler parlò invece spesso di pace, per rassicurare l'estero ma anche il proprio popolo. "La Germania vuole la pace e ne ha bisogno" ripeté continuamente. Ma nel 1938 disse ai suoi collaboratori: "Le circostanze mi hanno costretto per tanti anni a parlare di pace, solo così era possibile raggiungere i successi di quegli anni e solo cosi potevamo ricostruire la forza militare di cui la Germania ha bisogno".

1938-1939

Nel '39 la Germania era diventata la nazione militarmente più forte in Europa. Hitler aveva annesso praticamente tutte le zone al di fuori della Germania in cui si parlava il tedesco. L'Alto Adige era un piccolo problema, perché l'Italia di Mussolini fu uno dei pochi alleati. Ma Hitler si era messo d'accordo con Mussolini di trasferire i tedeschi di questa regione prima in Austria e poi, dopo la conquista del necessario spazio vitale all'est, di mandarli come colonizzatori in Russia.

Gli altri paesi europei seguirono l'aggressiva politica estera della Germania con crescente preoccupazione. Nel 1938, durante la Conferenza a Monaco di Baviera a cui parteciparono, oltre alla Germania, l'Inghilterra, la Francia e l'Italia, si tentò inutilmente di fermare l'aggressività della Germania di Hitler. Le altre nazioni volevano evitare, a tutti i costi, una nuova guerra mondiale, ma non capirono che le concessioni a Hitler non servivano a niente, lui avrebbe fatto la guerra in ogni caso.


I partecipanti della conferenza di Monaco: il premier britannico Chamberlain,
il Primo Ministro francese Daladier, Hitler e Mussolini (da sinistra a destra).

Infatti, nel '39 Hitler non voleva più aspettare, la guerra doveva cominciare. Al ministro degli esteri della Romania, che era alleata alla Germania, confessò proprio in quell'anno: "Adesso ho cinquant'anni, preferisco avere la guerra adesso, che non più tardi, quando ne avrò 60 o 65." Questa citazione rivela un tratto del carattere tipico di Hitler: il destino della Germania si doveva compiere nell'arco della sua vita. Hitler non ha mai pensato a quello che poteva succedere dopo di lui, identificò praticamente la propria biografia con il culmine e il compimento della storia tedesca.

L'ultimo atto: il trattato tra Hitler e Stalin (1939)

L'ultimo atto della preparazione sistematica della guerra fu un trattato tra la Germania nazista e il suo nemico più importante: l'Unione Sovietica. L'Europa rimase stupita e anche un po' scioccata quando si venne a sapere del trattato di non aggressione tra questi due stati ideologicamente agli opposti estremi. Ma questo patto fu di assoluta necessità, sia per Hitler che per Stalin, anche se per motivi molto diversi.


La firma del trattato tra la Germania e l'Unione Sovietica:
seduto alla scrivania: il ministro degli esteri russo Molotov, dietro di lui (in piedi): il ministro degli esteri della Germania Joachim Ribbentrop, a destra (con la divisa chiara): Stalin.

Hitler che aveva già tutti i piani militari pronti per conquistare la Polonia aveva bisogno che l'Unione Sovietica non reagisse a questa aggressione. La conquista degli "spazi vitali all'est"', cioè l'attacco all'Unione Sovietica era solo rimandata, doveva essere scatenato quando la Germania era militarmente pronta. Stalin sapeva benissimo che l'Unione Sovietica continuava ad essere nel mirino dell'aggressività della Germania nazista, ma aveva bisogno di tempo per prepararsi, nel 1939 non era ancora pronta a questa guerra. Per questo accettò questo trattato che prevedeva, tra l'altro, la divisione del territorio della Polonia tra queste due superpotenze.

Ma appena il patto fu firmato Hitler non aspettò più: una settimana dopo, il 1 settembre 1939, invase la Polonia. La seconda guerra mondiale era iniziata.

Ecco la seconda parte di questo articolo:

La Germania nella seconda guerra mondiale (2):
dalle guerre lampo alla catastrofe

(in preparazione)

Vedi anche:

Iscriviti gratuitamente alla newsletter:

Tutti i capitoli di www.viaggio-in-germania.de:



Copyright, privacy, contatto
Copyright, privacy, contatto