Viaggio in Germania - Le città e regioni più belle

A Wiesbaden con il programma Erasmus


Il "Kurhaus" (casa di cura) del 1907
foto: 
Pedelecs

Perché Wiesbaden?

Durante l’università, dopo un anno trascorso ad Oxford, decisi di vivere un’esperienza dello stesso genere in Germania, terra dalla cultura raffinata, meno conosciuta e meno frequentata dagli studenti in giro per l’Europa, ma altrettanto affascinante

La meta fu praticamente una scelta obbligata perché la mia Università aveva stipulato l’accordo di scambio con l’Università di Wiesbaden, ricca cittadina dell’Assia vicina a Francoforte e Mainz di cui nulla però sapevo fino alla partenza e mai più avrei immaginato di scoprire un luogo così bello in cui avrei trascorso uno dei periodi più belli della mia vita!

La zona pedonale al centro di Wiesbaden
foto: 
Pedelecs

La Fachhochschule - quello che in Italia si chiamerebbe Politecnico

A Wiesbaden non esiste una vera e propria Università, bensì una Fachhochschule equiparabile ad un Politecnico. La differenza tra una Fachhochschule ed una Universität è l’approccio più pragmatico ed il rapporto più diretto tra professori e studenti. Nella lingua tedesca, caratterizzata da parole per lo più composte, il nome Fachhochschule è solitamente abbreviato in Fh.

L’approccio allo studio che si ha in Germania, come anche nei Paesi Anglosassoni e Nordici, è più pragmatico di quello che abbiamo in Italia. Gli esami sono pressoché tutti scritti e prevedono anche la redazione di tesine, corredate dalla presentazione delle stesse (individualmente o in gruppo, laddove siano previsti team di lavoro) in aula di fronte a tutti i compagni di corso. Nel mio caso, un professore volle anche riprenderci con la telecamera per poi farci rivedere e commentare insieme i punti forti e i punti deboli della nostra presentazione!

Le strutture universitarie, oltre ad ospitare studenti tedeschi ed Erasmus sono anche scelte da studenti asiatici, nonché frequentate da molti ragazzi turchi. In Germania, infatti, vi è una consistente comunità Turca che mantiene le proprie tradizioni, ma al contempo, cerca in parte di integrarsi sotto vari aspetti nella vita della società tedesca, anche se in poche righe non si può certo trattare un tema così complesso, di cui il dibattito a riguardo è aperto e controverso. Infine, la Germania è meta ambita da studenti provenienti da Paesi dell’Est Europeo, questo perché la Germania rappresenta e ha rappresentato durante la Guerra Fredda un ponte tra l’Est e l’Ovest europeo.

L'edificio centrale della Fachhochschule di Wiesbaden
foto: 
Pedelecs

La mia esperienza

Insediatami in campus ebbe inizio la mia meravigliosa esperienza! Le residenze studentesche sono infatti il luogo d’ incontro tra studenti per eccellenza, del divertimento, ma anche del relax. Nonostante, al momento della partenza, la mia conoscenza della lingua tedesca fosse a livello di base, il che, la prima settimana generò qualche problema di comprensione, grazie alle persone che ho incontrato, al corso di tedesco e ai mille stimoli che si ricevono vivendo in un Paese nuovo ho avuto modo di imparare la lingua giorno dopo giorno constatando notevoli progressi nel giro di poco tempo.

Di pari passo, grazie alle agevolazioni economiche sui trasporti arricchii il mio soggiorno con molti viaggi in tutta la regione e a Francoforte, distante solo 30 minuti di treno (una delle quali per sentire una conferenza presso il “Centre for Financial Studies”, elegante centro di studi nel cuore di Francoforte, tenuta da Jean Claude Trichet, il Presdidente della BCE alla sua prima uscita pubblica!), oltre ad aver visitato località meravigliose come Mainz, Koblenz, Darmstadt, Wurzburg, Colonia ecc.

Grazie anche ad un gruppo di studenti tedeschi della Fh attivi nell’accoglienza degli studenti stranieri furono organizzate molte gite, tra cui una ad Heidelberg durante il periodo natalizio per visitare la città ed il suo famoso “Weihnachtsmarkt” cioè il mercatino di Natale, tradizione tedesca per eccellenza presente in ogni città (come anche a Wiesbaden, anch’esso molto bello!), ad Ottobre la famosa “Weinprobe” che consistette in una serata per i nuovi arrivati della Fh dedicata alla degustazione dei vini della Regione, vini di altissima qualità prodotti dalla Fachhochschule (che ospita anche un corso di laurea in Enologia), una gita alla Opel (fabbrica di automobili), una serata a teatro e numerosi altri momenti insieme e innumerevoli altri momenti indimenticabili! Grazie a questo meraviglioso soggiorno ho potuto constatare che la Germania è un paese di grande benessere e dalla cultura elaborata e ricercata, un paese da scoprire e questi mesi hanno rappresentato per me un percorso culturale e linguistico molto significativo!

Consigli pratici per chi si vuole stabilire in Germania

Alloggio: Se si sceglie la Germania per svolgere un periodo di studio, solitamente le strutture universitarie sono dotate di un Campus, ma si può anche scegliere un appartamento vero e proprio. Per prendersi una vista dell’offerta e dei relativi prezzi vi consiglio di consultare il sito www.studenten-wg.de (in tedesco WG significa appartamento per studenti), selezionando poi la voce con la città di vostro interesse.
Tuttavia, per vivere sulla propria pelle quella che è la vita studentesca, consiglio di cercare una stanza all’interno delle “Studenten Wohnheim” (residenze studentesche). Nel mio caso, ebbi la fortuna di capitare in una residenza situata fuori città, ma ben collegata al centro. La particolarità di questa residenza stava inoltre nel fatto che originariamente era una caserma costruita dall’esercito USA alla fine della 2° guerra mondiale, ora interamente ristrutturata e adibita a residenza studentesca. Qualsiasi sia la vostra scelta, al fine di poter pagare l’affitto (Miete) consiglio di recarsi presso una banca e aprire un “Girokonto” (ossia un conto che non prevede alcun costo, quindi “free of charge”).

Salute: Dal punto di vista sanitario, se ci stabilizza in Germania, non è più sufficiente l’E111, ma è necessario procurarsi in Italia, prima della partenza, il modulo E 128 presso la ASL. Una volta arrivati in Germania ci si dovrà registrare presso l’AOK (cassa malattia, ossia la ASL tedesca) e scegliersi un medico.

Trasporti: per gli studenti sono disponibili delle agevolazioni: in Assia, ad esempio, c’è il “Semesterticket”, una tessera valida tutta la durata del semestre che viene rilasciata dall’università, ad un costo attorno ai 100€ e consente di viaggiare gratuitamente a tutte le ore, tutti i giorni su tutti mezzi pubblici (treni S-Bahn e U-Bahn, treni regionali RB cioè Regional Bahn e treni RE ossia Regional Express, autobus, metropolitane, tram) della regione dell’Assia, dunque di Wiesbaden, Francoforte, Mainz e di tutte le altre città del Land. Il che rappresenta un grandissimo vantaggio, dati i prezzi alti del trasporto pubblico.

La lingua tedesca: il motivo per cui partii, cioè imparare questa magnifica lingua così difficile, era prioritario. Per questo, oltre al corso tenuto dall’Università, io i miei amici stranieri, abbiamo integrato con dei corsi presso scuole private (Berlitz, Volkshochschule, Goethe Institut) per seguire corsi intensivi o semi-intensivi di lingua tedesca, decisamente ben strutturati e di grande utilità.

Leggi anche l'altra pagina su Wiesbaden:

Dove soggiornare a Wiesbaden?

Com'è il tempo a Wiesbaden?:

WetterOnline
Wiesbaden

Commenta questa pagina:

Finora non ci sono commenti ...

Tutte le pagine sull'Assia:

Scopri tutte le mete turistiche più belle:

Consiglio:

Iscriviti gratuitamente alla newsletter:

Tutti i capitoli di www.viaggio-in-germania.de:

Tutte le città e regioni della Germania  Tutti i servizi per il vostro viaggio in Germania  Società, politica ed economia  Come sono i tedeschi?  Vivere e lavorare in Germania
Lingua tedesca  Letteratura tedesca  Arte, cultura, filosofia, scienza  Cinema tedesca  Musica tedesca  Storia della Germania

Copyright, privacy, contatto