Viaggio in Germania - Le città e regioni più belle

Il Saarland


La Saarschleife (svolta del fiume Saar)
foto: Felix König

Il Saarland in breve:

  • abitanti: 991.000
  • capoluogo: Saarbrücken (177.000 abitanti)
  • stranieri residenti nel Saarland: 70.500 (7,1%)
  • economia: industria automobilistica, acciaio, informatica, viticoltura, turismo
  • turismo: 881.000 arrivi (2013), di cui  132.000 stranieri
  • confessioni: cattolici 64%, protestanti 19,5%, musulmani 2,5%, senza confessione: 14%

Per orienrasi meglio:

Renania Palatinato
La posizione del Saarland
Distanze chilometriche Italia-Germania
Le città del Saarland
Le città più importanti del Saarland
Carta stradale online del Saarland

Una regione tra la Francia e la Germania:

Questa piccola regione ha sempre costituito un ponte tra la Francia e la Germania. Una volta caratterizzata dalle industrie del carbone e dell'acciaio è oggi una regione ricca di fascino naturalistico e culturale, purtroppo ancora poco conosciuta.

Tra il '600 e il secolo scorso, di guerre tra la Germania e la Francia ce ne sono state parecchie. E di solito il vincitore determinava anche il destino dei territori che oggi compongono la piccola regione del Saarland. Così, sebbene la popolazione abbia sempre parlato il tedesco, la regione fu spesso sotto il dominio francese. Durante le guerre napoleoniche all'inizio dell'800, il Saarland fu annesso alla Francia; in conseguenza del Congresso di Vienna (1815) tornò alla Germania, per essere assegnato, dopo la prima guerra mondiale, alla "Società delle Nazioni" (il predecessore dell'ONU), che consegnò la regione per 15 anni alla Francia.

Nel 1935, scaduto il mandato della Società delle Nazioni, Hitler, che era da poco al potere in Germania, non si fece scappare l'occasione per riportare il Saarland "Heim ins Reich", cioé nella Germania. Un plebiscito, tenuto sotto sorveglianza internazionale, decise con una maggioranza del 90,7% per l'annessione alla Germania. La popolazione si illudeva di tornare "a casa", in realtà pagò questo voto con la perdita di tutti diritti democratici che con la Francia poteva ancora godere. Per Hitler invece l'annessione rappresentò il primo passo verso l'espansione territoriale della Germania che doveva sfociare, dopo soli 4 anni, nella seconda guerra mondiale.

Nel 1946, dopo la seconda guerra, il Saarland passò di nuovo alla Francia il che provocò, negli anni successivi, forti tensioni tra i francofoni, quelli che volevano tornare alla nuova Germania e quelli che intendevano trasformare il Saarland in una "regione europea" autonoma. I governi a Bonn e a Parigi che ormai erano avviati a una stretta collaborazione decisero di risolvere il problema con un nuovo plebiscito. Nel 1956 la popolazione del Saarland decise con il 67,7% per la Germania e un anno dopo il Saarland diventò il decimo "Land" della Germania.
    
a sinistra: Il municipio di Saarbrücken
a destra: l'ex acciaieria di Völklingen, patrimonio culturale dell'UNESCO
foto: Niesefrosch / Lokilech

Il Saarland oggi:

Il motivo principale, per cui il Saarland è stato così conteso tra la Germania e la Francia stava nei ricchi giacimenti di carbone che, prima del petrolio, è stato la fonte di energia principale. Il carbone attirava l'industria siderurgica e così, la piccola regione diventò di primissima importanza per l'economia dei due paesi.

I giacimenti di carbone sono ormai esauriti e l'industria siderurgica è fortemente ridimensionata. Ma la regione è riuscita a fare il processo di riconversione al terziario, che inizialmente è stato molto doloroso. La vecchia base economica della regione, il carbone e l'acciaio, è diventato persino archeologia industriale: l'ex acciaieria di Völklingen, fondata nel 1873, è stato inclusa nel patrimonio culturale dell'UNESCO. Allo stesso tempo la regione ha imparato a sfruttare la ricchezza e il fascino naturalistico e culturale che indubbiamente può offrire.

I luoghi da non perdere nel Saarland:

  • Saarbrücken
    Capoluogo della regione, 177.000 abitanti. Da vedere: il castello di Saarbrücken, il municipio, la piazza Ludwigsplatz con la chiesa Ludwigskirche, il museo d'arte Saarland-Museum con quadri medievali e moderni.
    Sito internet: www.saarbruecken.de
  • L'ex acciaieria di Völklingen
    La gigantesca acciaieria di Völklingen, fondata nel 1873, fu una delle più grandi e importanti di tutta l'Europa. Si estende su di una superficie di circa sei ettari. Fu chiusa nel 1986, dopo crisi del settore dell'acciaio. Nel 1994 è stata inserita nell'elenco dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO. Visite guidate tutti i giorni, tranne lunedì.
    Sito internet: www.voelklinger-huette.org
  • La Saarschleife (svolta della Saar)
    Il fiume Saar nasce in Francia, poi attraversa Saarbrücken, il capoluogo del Saarland, e infine si getta nella Mosella, nella regione di Renania-Palatinato. La "Saarschleife", l'attrazione turistica più famosa del Saarland si trova tra le due città Mettlach e Besseringen. Le due città sono distanti solo 2 chilometri, ma la Saar ci mette ca. 10 chilometri per arrivare da una città all'altra.
    Sito internet: www.tourist-info.mettlach.de

Dove soggiornare nel Saarland?

Che tempo fa nella regione?

WetterOnline
Saarbrücken
WetterOnline
Völklingen

Scopri tutte le mete turistiche più belle:

Consiglio:

Iscriviti gratuitamente alla newsletter:

Tutti i capitoli di www.viaggio-in-germania.de:

Tutte le città e regioni della Germania  Tutti i servizi per il vostro viaggio in Germania  Società, politica ed economia  Come sono i tedeschi?  Vivere e lavorare in Germania
Lingua tedesca  Letteratura tedesca  Arte, cultura, filosofia, scienza  Cinema tedesca  Musica tedesca  Storia della Germania  Germania-Shop

Copyright, privacy, contatto