www.viaggio-in-germania.de

Viaggio in Germania - Il cinema tedesco

I 100 anni di Leni Riefenstahl

I 100 anni di
Leni Riefenstahl

Tra arte e nazismo -
il caso di Leni Riefenstahl

Das blaue Licht - Tiefland

Fritz Lang e il cinema dell'
espressionismo

Leni Riefenstahl

Volker Schlöndorff

Rainer Werner Fassbinder

Werner Herzog

Wim Wenders

Luchino Visconti:
"Trilogia tedesca"

Romy Schneider

Florian H. von
Donnersmarck:
"Le vite degli altri"

Wolfgang Becker: "Goodbye Lenin"

Daniel Brühl

Tom Tykwer: "Lola corre"

Oliver Hirschbiegel:
"La Caduta"

Margarethe
von Trotta: "Rosenstraße"

Marc Rothemund: "La Rosa Bianca"

Il festival del cinema di Berlino

Hitler - biografia di un dittatore

Hitler - la sua ascesa al potere

La rivoluzione del 1918/19 e la stampa italiana

La Caduta (il film)

L'ideologia di Hitler: la teoria razziale e l'antisemitismo

Da dove viene l'odio verso gli ebrei?

I tedeschi e il nazismo

La seconda guerra mondiale

Hitler in Alto Adige

La resistenza tedesca contro Hitler

La resistenza austriaca contro Hitler

La Rosa Bianca

Georg Elser - una bomba contro Hitler

I giovani nel Terzo Reich

Oskar Schindler non era l'unico

Il campo di concentramento di Dachau

Il campo di concentramento di Mauthausen

"Da bambina incontrai Hitler"

Tra arte e nazismo - Leni Riefenstahl

Storie di bambini nei ghetti e nei lager

Vivere con la stella gialla

Hitler und Mussolini

Da Caligari a Good Bye Lenin! Storia e cinema in Germania

Matteo Galli:
Da Caligari a
Good Bye Lenin! Storia del cinema in Germania

Home > Arte, cultura, musica, cinema, filosofia > Cinema tedesco > Leni Riefenstahl > Biografia

Leni Riefenstahl era una regista bella, affascinante e brava. Aveva tutte le carte in regola per diventare una star del cinema. Ma si fece abbagliare da Hitler e divenne così "la regista che filmò il nazismo". Articolo a cura di Fabio.


La copertina della biografia di Leni Riefenstahl

Leni Riefenstahl, ballerina, attrice, regista e fotografa è nata a Berlino il 22 agosto 1902. Inizia la carriera di ballerina, ma è costretta ad abbandonarla per una lesione al menisco. Diventa allora attrice: il suo primo film è "La montagna dell'amore" 1926; dopodiché passa alla regia e nel 1932 gira il suo primo film "Das blaue Licht" (Titolo italiano: "La bella maledetta"), un film che risente degli influssi dell'espressionismo tedesco.

L'11 marzo 1933, dopo l'ascesa di Hitler al potere, viene costituito il Ministero per la Cultura e la Propaganda, Goebbels costituisce la "camera cinematografica" per un'azione di propaganda che usi forme espressive artisticamente assolute. Ecco che alla Riefenstahl viene affidato il compito di realizzare un film sul congresso di Norimberga (1933), del partito nazista, il film con il titolo scelto personalmente da Hitler è "Il trionfo della volontà". Inizia così la sua carriera di regista per il regime.

La Riefenstahl ha sempre negato un coinvolgimento con il nazismo e anche di aver avuto una storia sentimentale con Hitler. Ha ammesso però di aver ammirato il dittatore. Il Terzo Reich le offre tutti i mezzi materiali e tecnici per poter realizzare il famoso film sulle Olimpiadi di Berlino del 1936. Coadiuvata da più di 40 operatori, filma tutte le gare che si tradurranno nel film in due parti (durata:quasi 4 ore) "Olimpia". Il film è del 1938; la regista impiegò infatti ben 2 anni a montare l'imponente materiale girato.

Il suo film successivo "bassopiano" girato nel 1940 e ambientato in Spagna, viene bloccato dallo scoppio della guerra e riesce ad uscire solo nel 1954 quando la Riefenstahl riuscì a rientrare in possesso delle riprese sequestratele.


Leni Riefenstahl al lavoro

Dal dopoguerra in poi la sua vita è stata dura. Imprigionata insieme ad altri ufficiali delle SS (uno lo aveva anche sposato), il tribunale di guerra l'ha però assolta, credendo alle sue professioni di inconsapevole e di totale dedizione alla pura arte cinematografica.

Sui suoi rapporti personali con Hitler non è mai stata fatta piena luce. Si sa che fu lei a farsi avanti, esprimendogli in una lettera il desiderio di conoscerlo, affascinata e curiosa dopo uno dei suoi comizi, a Berlino nel 1932.

La Riefenstahl venne praticamente bandita dall'industria cinematografica tedesca del dopoguerra. Per stare lontana dalla Germania viaggiò molto e si dedicò soprattutto alla fotografia realizzando in Africa i suoi reportage sulle tribù Nuba. Alla soglia dei suoi ottanta anni, inizia la scoperta del mondo sottomarino e si dedica alle immersioni subacquee, passione dalla quale è nato il progetto "Impressionen unter Wasser" (2002), mediometraggio documentario di sole immagini e musica (di Giorgio Moroder) sui più colorati abitanti degli oceani, trasmesso in anteprima mondiale (in occasione del suo 100esimo compleanno) dalla rete televisiva franco-tedesca ARTE.


Leni Riefenstahl (nel 2002), con la sua biografia in mano.

Una lunga intervista che la regista ha rilasciato alla televisione tedesca induce a un giudizio differenziato. Alle severe domande dell'intervistatore non indietreggia; al contrario affronta il difficile capitolo della sua biografia, parla con franchezza e coraggio dei suoi errori, del suo rapporto personale con Hitler, che non fu mai di sudditanza. Della sua collaborazione con il ministero per la propaganda, da cui ottenne in cambio carta libera nonché risorse che mai nessun regista aveva avuto a disposizione prima di lei. Ma insieme ai molti sensi di colpa, rivendica la purezza e l'indipendenza dei suoi propositi artistici, l'innocenza della sua arte.

È morta nel 2003, all'età di 100 anni, ma continua a far discutere, è stata, nel bene e nel male, tra le personalità femminili che hanno segnato il Novecento e ne sono state segnate.

Testo: Fabio

Vedi anche:

Tutte le pagine su Leni Riefenstahl
Scheda biografica, il cinema tra arte e nazismo, risorse di Internet. [capitolo]
Tutte le pagine sul cinema tedesco
Fritz Lang, Leni Riefenstahl, Volker Schlöndorff, Werner Herzog, Rainer Werner Fassbinder, Wim Wenders, la "Berlinale" e altre risorse di Internet sulla storia del cinema tedesco. [capitolo]
Tutte le pagine sulla repubblica di Weimar, Hitler e la seconda guerra mondiale
Tutti gli interventi necessari per capire meglio chi era Hitler, perché è arrivato al potere e cosa significava il nazismo per la Germania. [capitolo]

Iscrivetevi gratuitamente:

Per essere sempre aggiornati sulle novità!

Indici di tutte le pagine di questo sito:

Sulla Germania e i tedeschi

Sulla lingua tedesca

Sulla letteratura e cultura tedesca

DVD
in lingua italiana


DVD e VHS
in lingua tedesca


Traduzioni online


250 biglietti da visita - gratis


La libreria
di questo sito



La Germania in Facebook


Dello stesso webmaster sono:

Deutsches Italienportal - www.reise-nach-italien.de

Portale italiano sull'Austria - www.viaggio-in-austria.it