Viaggio in Germania - Le città e regioni più belle

Meersburg sul Lago di Costanza

Articolo di Andrea Modesti.
Meersburg
Meersburg sul Lago di Costanza
foto: Elkawe

Mainau in breve:

  • posizione geografica:  sulla riva nord del Lago di Costanza
  • altitudine:  444 m s.l.m.
  • regione:  Baden Württemberg
  • abitanti:  5.650
  • turisti all'anno:  250.000
  • economia:  turismo, viticoltura
  • città gemellata in Italia:  San Gimignano
  • targa automobilistica: FN

Per orientarsi meglio:

Lago di Costanza
La posizione di Meersburg sul Lago di Costanza
Clicca sulla carta per una dettagliata carta online del lago e di Lindau
Meersburg
Meersburg, vista dal lago
foto: Andrea Modesti

Castelli merlati e giardini fioriti...

Castelli merlati e giardini fioriti, dame sognanti e delicate madonne, raffigurate in roseti fiabeschi tra scorci di città turrite: chi conosce un poco la pittura medievale, soprattutto d’oltralpe, riconoscerà subito gli elementi caratteristici dello stile chiamato Gotico Internazionale, o meglio, dell’originalissima interpretazione che ne diedero le sponde dell’Alto Reno e del lago di Costanza.

Era la visione trasognata e nostalgica di un mondo, quello cortese, agli inizi del Quattrocento giunto ormai al suo tramonto, insidiato dall’avanzare di una nuova epoca e una nuova sensibilità. Il maggior esponente di questo stile pittorico fu Stephan Lochner (1400-1451), nato a Meersburg e formatosi nell’ambiente elegante e cortese attorno al lago di Costanza e in Renania.

Nel centro di Meersburg (città bassa)
foto: Wolfgang Pruscha

Meersburg - un gioello dell'architettura europea

Una visita all’antica cittadina di Meersburg, con il suo centro storico conservatosi meravigliosamente intatto e incontaminato, può aprirci una porta sul mondo dipinto da Lochner, consentendoci una breve ma intensa immersione nelle incantate atmosfere della scuola dell’Alto Reno.

Il villaggio, 5.650 abitanti, si sviluppa su uno sperone roccioso a picco sul maggiore lago tedesco. La fitta selva di tetti spioventi, degradanti, con le loro tegole rosse, verso le acque, i due diversissimi castelli (la fortezza e il palazzo barocco), le ripide scalinate e le tortuose stradine tra le case medievali, ne fanno un vero gioiello dell’architettura europea, posto interamente sotto la tutela delle belle arti nel 1954.

La Steigstraße che porta dalla città bassa a quella alta
foto:  Andrea Modesti

Dalla città bassa a quella alta

La prima suggestiva vista dell’abitato si offre a chi arriva in traghetto dal lago: “In alto i castelli, in basso l’acqua” dicono da queste parti. L’approdo delle imbarcazioni è nella Unterstadt (la città bassa), con il suo lungolago alberato, i vivaci locali e gli artisti di strada. In effetti questa è la parte più turistica e balneare di Meersburg, formatasi da un primitivo agglomerato di case di pescatori e in seguito divenuta residenza definitiva del principe-vescovo di Costanza.

Ma per potersi immergere veramente nella storia e nella magia più suggestive, occorre lasciarsi alle spalle la Unterstadt e, prendendo la ripida Steigstrasse, salire alla Oberstadt (la città alta). Qui, lungo la via che percorrevano nel medioevo i commercianti per portare le loro stoffe da Costanza a Ravensburg, il primo stupefacente colpo d’occhio: una fuga di case a graticcio di rara bellezza costruite su portici e incorniciate di fiori.

La Kirchstraße con alcune belle case a graticcio
foto: Andrea Modesti

Marktplatz e Obertor

Abbiamo finalmente fatto un primo passo nel mondo di Lochner, ed è infatti tra questi edifici storici (sapientemente ripuliti dagli intonaci posticci agli inizi del Novecento) che si trova ancora la casa del pittore gotico.

Arrivati nella centrale Marktplatz, dominata dalla rossa mole della trecentesca Obertor (la porta della città alta), ci si trova di fronte all’Hotel “Zum Bären” (del 1456), con il suo bovindo a torre ricoperto di glicine, e all’Hotel “Zum Löwen”, con la sua elaborata insegna in ferro battuto. Questi locali, con la Obertor nel mezzo, formano un complesso monumentale talmente suggestivo da sembrare il frutto di una sapiente scenografia. È forse il motivo fotografico più noto di tutta la regione.

La città alta con la Obertor
foto: Selbst

Il medievale Castello Vecchio e il barocco Castello Nuovo

Dalla piazza del mercato non resta che decidere se perdersi a girovagare senza meta nell’intrico di vicoli e piccole corti, tra dimore borghesi e fontane (come nella Winzergasse, la via degli artigiani), o se dirigersi subito verso il quartiere nobile, passando nella Schlossplatz, la piazza del Castello Nuovo.

In questa città nella città, circondata da edifici sei-settecenteschi e chiusa sul lato sud dal prospetto grandioso della reggia barocca, stabilì la propria residenza il principe-vescovo di Costanza quando decise che il Castello Vecchio era troppo tetro per le esigenze della sua carica.

Il vecchio castello
foto: Wolfgang Pruscha

Il nuovo castello
foto:  Hieke
Nel 1710 Johann Schenk von Stauffenberg intraprese la costruzione del suo nuovo palazzo sfruttando la terrazza panoramica a est del vecchio maniero. I lavori proseguirono poi sotto i suoi successori, e videro la partecipazione di illustri artisti, tra i quali il grande architetto barocco Balthasar Neumann (famoso per la Residenz di Würzburg), ideatore della scalinata monumentale.

Se il quartiere settecentesco rappresenta la parte più moderna di Meersburg, le sorprese medievali non sono ancora finite, e basta attraversare un ponte in legno sull’antico fossato per ritrovarsi nell’Altes Schloss, il Castello Antico, con le mura ingrigite dai secoli e i camminamenti di ronda. Risalente, si dice, addirittura all’epoca del re merivingio Dagoberto (VII secolo), il maniero offre qualcosa di più del consueto repertorio di passaggi segreti, sale d’armi e prigioni medievali. Una specie di sigillo all’aura fiabesca della cittadina.

La casa di Annette von Droste-Hülshoff,
oggi un museo dedicato a questa poetessa
foto:  luisana

Annette von Droste-Hülshoff a Meersburg

Nelle stanze Biedermeier dello Schloss la poetessa Annette von Droste- Hülshoff (1797-1848) visse gli ultimi anni della sua vita, scrivendo i versi migliori ispirata dalla vista del lago e della città vecchia. Un'altra casa di sua proprietà, situata su una collina vicino al castello, è oggi un museo dedicato a questa poetessa tedesca. Nel vecchio castello, divenuto un ritrovo per artisti, alloggiarono anche Gustav Schwab (studioso delle leggende tedesche), Ludwig Uhland (autore delle Ballate) e i fratelli Grimm. Quelli delle Fiabe.

In quale altro luogo avrebbero potuto ispirarsi pittori gotici, poeti romantici e scrittori di favole, se non a Meersburg, la più autentica delle magie del lago?
Vuoi collaborare anche tu? Scrivimi!

Dove soggiornare a Meersburg?

Com'è il tempo a Meersburg?

WetterOnline
Meersburg

Commenta questa pagina:

Finora non ci sono commenti ...

Altre pagine sul Lago di Costanza:

Scopri tutte le mete turistiche più belle:

Consiglio:

Problemi con la lingua tedesca?

Iscriviti gratuitamente alla newsletter:

Tutti i capitoli di www.viaggio-in-germania.de:

Tutte le città e regioni della Germania  Tutti i servizi per il vostro viaggio in Germania  Società, politica ed economia  Come sono i tedeschi?  Vivere e lavorare in Germania
Lingua tedesca  Letteratura tedesca  Arte, cultura, filosofia, scienza  Cinema tedesca  Musica tedesca  Storia della Germania  Germania-Shop

Copyright, privacy, contatto