Viaggio in Germania - La lingua tedesca

Mark Twain:
"La terribile lingua tedesca"

Condividere su Facebook
Mark Twain
Mark Twain (1835-1910)
foto:  A.F. Bradley
"In base ai miei studi di filologia sono arrivato alla conclusione che una persona
dotata riesce ad imparare l'inglese (se si esclude l'ortografia e la pronuncia)
in trenta ore, il francese in trenta giorni e il tedesco in trent'anni.
È ovvio che la lingua tedesca ha bisogno di essere rimodellata e riparata.
Se rimanesse così com'è dovrebbe essere accantonata, con dolcezza e riverenza,
tra le lingue morte, perché solo i morti hanno tempo sufficiente per impararla".

Mark Twain

Mark Twain e la lingua tedesca:

Lo scrittore americano Mark Twain (pseudonimo di Samuel Langhorne Clemens) è noto soprattutto per i suoi romanzi Le avventure di Tom Sawyer e Le avventure di Huckleberry Finn, considerati spesso tra le opere più importanti della letteratura americana, in cui unì la satira con un'aspra critica sociale della società americana della sua epoca.

Durante i suoi numerosi viaggi all'estero si ferma varie volte e per lunghi periodi in Germania e in Austria. La prima volta visita la Germania nel 1861. Poi, nel 1878, si ferma per cinque mesi a Heidelberg. Nel 1891 soggiorna invece per alcuni mesi a Berlino che gli piace così tanto che più tardi vi manda le due figlie per dei soggiorni di studi. A Vienna vive addirittura per quasi due anni (tra il 1897 e il 1899).

Già prima del primo soggiorno in Germania Mark Twain comincia a studiare il tedesco che trova difficile, ma affascinante. Assume una bambinaia tedesca affinché i suoi figli imparino questa lingua. Ma anche durante i soggiorni in Germania Mark Twain non ha abbastanza tempo per perfezionare il suo tedesco e ne rimane molto dispiaciuto, quasi disperato, anche perché i suoi figli parlano il tedesco ormai quasi come l'inglese. Comincia a scrivere in uno strano mix tra tedesco scorretto e inglese che è piuttosto divertente. In una lettera scrive p.e.: „Ich habe der Consul Smith gesehen ein Paar Wochen ago, & told him about that Pass, und er hat mir gesagt das er wurde be absent from this region Gegen-(something) zwei oder drei Wochen, aber wann er sollte hier wieder nachkommen, wollte er der Pass geschlagen worden & snake it off to Berlin. Vei ielleicht hat er noch nicht zu Mannheim zurüch’kehrt.“ Tiene anche dei discorsi pubblici in questo stile, p.e. in occasione della festa nazionale americana (il 4 luglio) nell'ambasciata americana, davanti a un pubblico misto di tedeschi e americani che, probabilmente, si sono piegati dalle risate per il suo linguaggio contorto.
Mark Twain con la moglie Olivia e la figlia Clara
Mark Twain con la moglie Olivia e la figlia Clara
fonte: US-Botschaft Berlin, Public Affairs
Nel suo scritto "The awfull German Language" del 1880 (vedi sotto) prende in giro le difficoltà del tedesco, si indigna per la sua "mancanza di logica", ma allo stesso tempo traspare tra le righe una conoscenza abbastanza approfondita dei meccanismi della grammatica tedesca. Alla fine del libro fa delle proposte, per lui molto urgenti, per "migliorare il tedesco" e chiede al governo tedesco di essere incaricato per mettere in pratica le sue proposte.

In un altro discorso pubblico, "Die Schrecken der deutschen Sprache" (vedi sotto), tenuto molti anni dopo, nel 1897 a Vienna, ripete le sue proposte, questa volta però in un tedesco molto buono ed elaborato, in cui dimostra che ormai padroneggia il tedesco anche nelle sue sfumature ironiche.

Lo scrittore americano ammette anche che il tedesco è "straordinariamente espressivo", soprattutto per le parole che riguardano le emozioni e l'amore, tanto che, quando muore la sua amatissima moglie Olivia Langdon, Mark Twain fa scrivere sulla lapide le parole tedesche: „Gott sei Dir gnädig, O meine Wonne“.
Illustrazione originale del libro "A Tramp Abroad"
Illustrazione originale del libro "A Tramp Abroad" (edizione 1988)
in cui Twain illustra ironicamente la lunghezza delle parole tedesche,
in questo caso "Stadtverordnetenversammlungen"
fonte: US-Botschaft Berlin, Public Affairs

Mark Twain: "The Awful German Language - Die schreckliche deutsche Sprache" (1880)

Il saggio The Awful German Language, fu pubblicato nel 1880 (in lingua inglese) come appendice al secondo volume del suo racconto A Tramp Abroad, in cui raccontò l'esperienza di un lungo viaggio attraverso alcuni paesi europei: Germania, Svizzera, Francia e Italia. Qui potete scaricare il saggio, in formato pdf, sia nella versione originale (inglese) che nella traduzione tedesca:

Mark Twain: "The Awful German Language"
(in lingua inglese)

Mark Twain: "Die schreckliche deutsche Sprache"
(in lingua tedesca)

Mark Twain: "Die Schrecken der deutschen Sprache" (1897)

Qui potete scaricare gratuitamente, in formato pdf, il discorso "Die Schrecken der deutschen Sprache", tenuto il 21 novembre 1897 al "Presse-Club" di Vienna:

Mark Twain: "Die Schrecken der deutschen Sprache"
(in lingua tedesca)


Ripetizioni di tedesco e di altre materie
per scuola e università
Trova l'insegnante giusto per te!

Per comprare il libro (in lingua inglese e tedesca):

Mark Twain: Die schreckliche deutsche Sprache
Clicca qui
per saperne di più


Dedicato a chi ha paura delle parole composte:

Potrebbero interessarti anche:

Offerte di lavoro per chi sa il tedesco
Offerte di lavoro in Italia
per chi sa la lingua tedesca
Vivere, studiare e lavorare in Germania
Vivere, studiare e lavorare
in Germania


Commenta questa pagina:

Finora non ci sono commenti ...
Aggiungi un tuo commento

Scopri anche le altre pagine su:

Lingua tedesca
La lingua tedesca
Pagine bilingui
Pagine bilingui - in taliano e tedesco

Da non perdere:

Germania-shop
Germania-shop:
Libri, film, musica, T-shirt,
vestiti tradizionali, prodotti tipici tedeschi
La Germania in Facebook
Facebook:
"Mi piace la Germania"
un gruppo di discussione vivace e simpatico

Consigli:

Impara il tedesco online e su dispositivi mobili
Impara il tedesco online e su dispositivi mobili
Registrati e prova gratuitamente
Traduzioni in 80 lingue
Traduzioni in 80 lingue - consegna in 24h
Preventivo gratuito in 5 secondi

Vuoi essere aggiornato sulle novità di questo sito?

Newsletter: per essere sempre aggiornati sulle novità!

Copyright, privacy, contatto