www.viaggio-in-germania.de

Viaggio in Germania - filosofia, cultura, scienza

Albert Einstein

La pittura tedesca

Il cinema che parla tedesco

Escursioni nel mondo della musica

Paracelso

Johann Gutenberg

Martin Lutero
e la riforma

Georg Christoph Lichtenberg

Karl Marx e Friedrich Engels

Arthur Schopenhauer

Friedrich Nietzsche

Sigmund Freud

Albert Einstein

Carl Schmitt

Max Weber

Carl Gustav Jung

Albert Schweitzer

Il fotografo
Hugo Erfurth

La cultura tedesca in Italia - la cultura italiana in Germania

Dipende. Einstein e la teoria della relatività

Home > Arte, cultura, musica, cinema, filosofia > Albert Einstein

Albert Einstein, il più importante fisico del '900, rivoluzionò con la sua Teoria della Relatività il nostro modo di vedere il mondo e l'universo. Qui una breve presentazione della sua sua vita e della sua opera.

Chi era Albert Einstein?

Fisico tedesco naturalizzato statunitense. Il maggiore fisico della nostra epoca. Dall'età di un anno visse a Monaco fu per alcuni anni a Milano e poi a Zurigo (1896), Divenuto cittadino svizzero, trovò un impiego all'ufficio brevetti di Berna.
Nel 1905 pubblicò tre scritti di fondamentale importanza; uno esponeva i principi della teoria della relatività ristretta; uno sul moto browniano, che costituiva la prima prova della reale esistenza degli atomi; il terzo per lungo tempo respinto dai fisici, rappresentava la prova della natura corpuscolare della luce. Proprio per questa prova (l'interpretazione dell'effetto fotovoltaico, conosciuto oggi come "fotovoltaico"), vinse il premio Nobel per la fisica nel 1921.

Nel 1916 pubblicò un fondamentale articolo sulla teoria della relatività generale, teoria che recentemente ha ottenuto una considerazione sempre più ampia e diverse nuove verifiche in campo cosmologico.

Rifugiatosi in America durante il periodo delle persecuzioni ebraica hitleriane, venuto a conoscenza dei lavori di Otto Hahn, Fritz Strassmann e Leo Szilard - fisico teorico ex allievo di Einstein  all'Istituto di Fisica di Berlino), oltre i lavori di Fermi,  con una lettera a Roosevelt, proponeva la costruzione di una bomba nucleare, per il timore che la Germania riuscisse a costruirne una. Perchè proprio dalla Germania a lui pervennero le ultime informazioni sulla struttura dell'atomo e sulle possibilità di usare l'energia nucleare.

La vita di Albert Einstein

Albert Einstein, nato nel 1879 a Ulm, piccola ma famosa cittadina tedesca, è morto nel 1955 a Princeton nel New Jersey.
Trascorse la sua prima giovinezza a Monaco, educato nel rigido sistema scolastico bavarese; dopo un breve soggiorno a Milano si trasferì a Zurigo dove continuò gli studi sino al dottorato in matematica e fisica presso il Politecnico. Dopo la laurea continuò a dedicarsi intensamente ad alcuni problemi di fisica teorica anche quando, per risolvere i pi&ugravi immediati problemi economici, prese la cittadinanza svizzera per assumere un modesto impiego presso l' Ufficio Brevetti di Berna.

Nel 1905 pubblicò tre articoli sugli Annalen der Physik, il primo sui quanti di luce,il secondo sul moto browniano, destinato a confermare l' atomicità della materia, il terzo sui fondamenti della relatività ristretta.
Questi ormai storici lavori furono l' avvio di una lunga e brillante carriera accademica, iniziata a Zurigo e proseguita in terra tedesca fino al 1932 quando, a causa delle persecuzioni antisemitiche naziste, fu costretto ad abbandonare la Germania per essere accolto a braccia aperte in USA.
Einstein, naturalizzato cittadino americano, si stabilì a Princeton, dove insegnò presso l'Institute for Advanced Studiesfino al 1945, anno del suo ritiro dall'attività accademica.

Nella storia del potere creativo del pensiero umano, Einstein rappresenta un simbolo, un personaggio che ha colpito la fantasia della gente, uno scienziato che ha dato un alto e qualificato contributo allo sviluppo della fisica moderna. Quest'uomo considerato da molti artista e quasi profeta che disprezzava la violenza e la guerra fu, suo malgrado doppiamente coinvolto nella realizzazione della bomba atomica di cui è considerato padre putativo: in primo luogo perchè uno dei risultati della teoria della relatività, riguardante la cosiddetta equivalenza massa-energia (E=mc2), doveva rappresentare il punto di partenza del successivo sviluppo dell' energia nucleare; in secondo luogo perchè si deve al suo intervento (voluto da altri) se il governo degli Stati Uniti d' America mise a disposizione i capitali che portarono alla costruzione della bomba di Hiroshima.

Tornando alle ricerche teoriche di Einstein, dobbiamo ricordare la classica memoria del 1916, I fondamenti della teoria della Relatività generale, frutto di oltre dieci anni di studio. Questo lavoro è considerato dal fisico stesso il suo maggior contributo scientifico e si inserisce nella sua ricerca rivolta alla geometrizzazione della fisica. Fino agli ultimi anni della sua vita egli tentò più volte di elaborare una teoria capace di unificare su una comune base geometrica i fondamentali campi allora meglio conosciuti: il campo gravitazionale e il campo elettromagnetico.
Nonostante lo sforzo di elaborazione teorica, i risultati non furono quelli sperati. "La natura non si lasciò convincere a fare ciò che forse non è nella sua stessa natura".

Dopo la seconda guerra mondiale, Einstein cercò in tutti i modi di favorire la pace nel mondo, promuovendo una vasta campagna popolare contro la guerra e le persecuzioni razziste. Proprio una settimana prima di morire, insieme ad altri sette Nobel, compilò una dichiarazione pacifista contro le armi nucleari. Questo messaggio all'umanità, che rappresenta una specie di testamento spirituale dello scienziato, termina con queste parole:

"Noi rivolgiamo un appello come esseri umani a esseri umani: ricordate la vostra umanità e dimenticate il resto. Se sarete capaci di farlo è aperta la via di un nuovo paradiso, altrimenti è davanti a voi il rischio della morte universale".

Questo articolo è stato pubblicato con il gentile permesso di:
www.cronologia.it - di Franco Gonzato

Vedi anche:

Tutte le pagine su Arte, cultura, musica, cinema e filosofia - made in Germany
La pittura tedesca, il cinema che parla tedesco, la filosofia da Paracelso a Lutero a da Nietzsche a Freud. La musica da Mozart e Beethoven fino alla musica rock, pop e techno di oggi. Scambi culturali italo-tedeschi.
[capitolo]

Indici di tutte le pagine di questo sito:

Sulla Germania e i tedeschi

Sulla lingua tedesca

Sulla letteratura e cultura tedesca

La libreria
di questo sito


Libri in tedesco
da amazon.de


Libri in tedesco
da webster.it


Libri usati e d'antiquariato


Traduzioni professionali


250 biglietti da visita - gratis


Tutto per il
vostro viaggio
in Germania