Viaggio in Germania - Le città e regioni più belle

Berlino: Potsdamer Platz

Condividere su Facebook
Berlino, Potsdamer Platz
La spettacolare illuminazione notturna del Sony-Center, nella Potsdamer Platz
foto: Jaime Ardiles-Arce

La Potsdamer Platz all'inizio del Novecento:

Dall'inizio del Novecento fino alla fine della seconda guerra mondiale la Potsdamer Platz fu una delle piazze più trafficate e più vivaci dell'Europa. Durante il giorno era affollata di impiegati e segretarie che lavoravano qui, di uomini d'affari e turisti da tutto il mondo. Di notte la piazza diventava il centro di tutti quelli che cercavano il divertimento: c'erano cinema, teatri, bar, café e, sebbene la prostituzione fosse ufficialmente vietata, si potevano trovare anche degli ambienti a luci rosse. La Potsdamer Platz divenne famosa in tutta l'Europa e rappresentò il vero centro di Berlino. Per il traffico intenso fu installato qui, nel 1924, il primo semaforo di Berlino.

Berlino, Potsdamer Platz
La Potsdamer Platz, nel 1914
foto: Bundesarchiv

La Potsdamer Platz nel 1945:

Berlino, Potsdamer Platz
foto: Abraham Pisarek / Bundesarchiv

Durante la divisione di Berlino:

Negli anni '50 la piazza si trovava proprio sulla linea che divideva Berlino in due e così, il luogo che una volta era il punto più movimentato e vivace di Berlino, divenne una zona sempre più deserta e abbandonata. Soprattutto dopo la costruzione del muro di Berlino, nel 1961, tutti gli edifici rimasti ancora rovine e anche quelli malamente ricostruiti dopo la guerra furono demoliti, per motivi di sicurezza militare. La Potsdamer Platz era morta.

Berlino, Potsdamer Platz
La Potsdamer Platz, nel 1975
foto: Edward Valachovic

Servizi di prenotazione:

Hotel, pensioni e Bed and Breakfast a Berlino
Hotel, pensioni e B&B
a Berlino
Appartamenti di vacanza a Berlino
Appartamenti di vacanza
a Berlino
Voli dall'Italia a Berlino
Voli dall'Italia
a Berlino
Noleggio auto a Berlino
Autonoleggio
a Berlino

1990: il concerto "The Wall":


Il 21 luglio 1990 si tenne sulla Potsdamer Platz il concerto "The Wall"
dei Pink Floyd, davanti a 300.000 spettatori.
foto: Robert Roeske / Bundesarchiv
Il primo a ridare vita a quella piazza, dopo la caduta del muro di Berlino nel 1989, fu Roger Waters dei Pink Floyd che, nel luglio del 1990, allestì in questo spazio il mega-concerto "The Wall", davanti a 300.000 spettatori. Il muro era in parte già abbattuto, ma Berlino era ancora divisa in due e il concerto si tenne in realtà sul territorio di due stati. Fu un evento di un grande significato simbolico che ha rafforzato notevolmente la volontà di questa metropoli con più di 3 millioni di abitanti di riunificarsi dopo 40 anni di divisione e di lasciare il passato dietro di sè.

Dopo il 1990 - la rinascita:

Berlino, Potsdamer Platz
La Potsdamer Platz, nel 2001
foto: Ziko
Dopo la riunificazione della Germania nel 1990, questa zona più abbandonata di Berlino si trasformò in pochi anni in un gigantesco cantiere, il più grande d'Europa, dove, sotto la guida dei più importanti architetti del mondo, tra cui l'italiano Renzo Piano, il giapponese Arata Isozaki e il tedesco Helmut Jahn, nacquero un nuovo centro finanziario, amministrativo e commerciale con le sedi della Daimler AG, della Sony, della Bahn AG (le ferrovie tedesche) e di altre multinazionali. In più cinema, teatri, un grande centro commerciale (le "Arkaden" che nel frattempo è diventato uno dei più importanti centri commerciali di Berlino), un albergo di lusso, diversi bar e ristoranti. Per anni il cantiere fu addirittura un'attrazione turistica: un gigantesco Info-Box aperto al pubblico mostrava, oltre a una spettacolare vista panoramica sul cantiere, modelli in scala, film e simulazioni al computer della futura piazza.

La Potsdamer Platz oggi:


L'insieme dei tre gratacieli più importanti:
a sinistra: un grattacielo di Renzo Piano,
al centro: il "Kollhoff-Tower"
a destra: il "Bahn-Tower"
foto: Urbanus

Il "Bahn-Tower" sede delle ferrovie tedesche, alto 103 metri con 26 piani,
ideato dall'architetto tedesco Helmut Jahn.
foto: Beek100

Il "Kollhoff-Tower", alto 103 metri con 25 piani, in stile newyorchese,
ideato all'architetto tedesco Hans Kollhoff.
foto: Andreas Steinhoff

Il grattacielo della sede berlinese dell'agenzia di rating "PricewaterhouseCoopers",
ideato dall'architetto italiano Renzo Piano.
foto: Andreas Steinhoff

La piccola torre in primo piano è una ricostruzione della torre
con il primo semaforo di Berlino erretta sulla Potsdamer Platz nel 1924.
Le luci rosso, arancione e verde erano disposte una accanto alla'altra
e non ancora una sopra l'altra.
Dietro: i grattacieli del "Beisheim-Center"
foto: Andreas Steinhoff

Le "Park-Kolonnaden" - cinque edifici,
ideati dall'architetto milanese Giorgio Grassi
foto: Andreas Steinhoff

Il "Kollhoff-Tower" (a sinistra), il "Bahn-Tower" (al centro, con la sigla "DB")
e il Sony-Center (a destra), visti dall'alto.
foto: Michael J. Zirbes

Il tetto del Sony-Center, di notte
foto: Andreas Tille
Il tempo a Berlino
Che tempo fa
a Berlino?
Banner 300x600

All'interno del Sony-Center, di giorno
foto: Stefan-Xp

Il Berlinale Palast, un teatro per musicals, dove ogni anni, in febbraio,
si tiene il "Festival internazionale del cinema"
foto: Martin Kraft

L'entrata delle "Arkaden" il centro commerciale della Potsdamer Platz
foto: A.Savin

Visite guidate, tour, attività:

Guide turistiche della Germania:

Guide di Berlino  Guide di Berlino
Berlino
Guide della Germania  Guide della Germania
Germania
Guide della Baviera  Guide della Baviera
Monaco e la Baviera

Altre informazioni utili per il turista:

La geografia della Germania
La geografia
della Germania
I parchi di divertimento in Germania
I parchi
di divertimento
La Germania in bicicletta
La Germania
in bicicletta
Il codice stradale della Germania
Il codice stradale
della Germania

Commenta questa pagina:

  Aggiungi qui un tuo commento
Finora non ci sono dei commenti...

Scopri di più su:

Berlino
Berlino
Tutte le città e regioni della Germania
Tutte le città e regioni della Germania
Germania-shop
Germania-shop:
Libri, film, musica, T-shirt,
vestiti e prodotti tipici tedeschi
La Germania in Facebook
"Mi piace la Germania"
un gruppo di Facebook
vivace e simpatico

Impara il tedesco online e su dispositivi mobili
Impara il tedesco online
e su dispositivi mobili
Traduzioni in 80 lingue
Traduzioni in 80 lingue
consegna in 24h

Newsletter: per essere sempre aggiornati sulle novità!


Copyright, privacy, contatto