Viaggio in Germania - Le cittÓ e regioni pi¨ belle

Berlino: la piazza "Gendarmenmarkt"

Gendarmenmarkt
I monumenti (numeri bianchi):
1 = Franz÷sischer Dom (duomo francese), 2 = Konzerthaus (Sala dei concerti)
3 = Deutscher Dom (duomo tedesco), 4 = monumento a Friedrich Schiller
Le strade (numeri neri):
5 = Markgrafenstra▀e, 6 = Franz÷sische Stra▀e
7 = Friedrichstrra▀e, 8 = Mohrenstra▀e
Foto aerea: Googlemaps

Il Gendarmenmarkt:

Nel '600 Berlino era una cittÓ molto piccola e si estendeva solo a est del fiume Sprea (nella zona tra l'odierno Berliner Dom e l'Alexanderplatz). Federico I, re della Prussia, decise di ingrandire la cittÓ e fece costruire, a partire dal 1688, un nuovo quartiere ad ovest della Sprea, la cosiddetta "Friedrichstadt" (CittÓ di Federico) con una rete di strade disegnata geometricamente con il righello (vedi sopra la foto aerea).

La piazza "Gendarmenmarkt", chiamata cosý perchÚ all'inizio c'erano le stalle della Gendarmeria, fece parte di questo quartiere e ospit˛, fin dall'inizio, due chiese: una luterana e una della comunitÓ religiosa degli ugonotti che all'inizio erano ancora senza le due torri che oggi dominano la piazza.

La piazza raggiunse il suo aspetto odierno sotto il regno di Federico II, chiamato "Federico il Grande" che, tra il 1780 e il 1785, fece ristrutturare la piazza e aggiungere le due torri con le caratteristiche cupole. Pi¨ tardi si costruý, tra le due chiese, un teatro, opera del famoso architetto Karl Friedrich Schinkel (1821). La statua di Friedrich Schiller davanti al teatro (oggi una sala per concerti), inaugurata nel 1871, Ŕ invece di Reinhold Begas.

Nell'insieme, le due chiese, che stanno una di fronte all'altra, con la sala dei concerti  in mezzo e la statua di Schiller, che si erige proprio al centro della piazza, formano un'insieme architettonico e urbanistico unico. Berlino ha delle piazze pi¨ grandi e pi¨ note, ma questa Ŕ indubbiamente la pi¨ bella.
Gendarmenmarkt, Franz÷sischer Dom
Franz÷sischer Dom (duomo francese) e Konzerthaus (ala dei concerti, a sinistra)
foto: Berthold Werner

Franz÷sischer Dom (duomo francese):

Le due chiese che, almeno all'esterno, sono molto simili, quasi uguali, si chiamano "Dom" (duomo) ma Ŕ un nome improprio. In realtÓ non sono delle chiese vescovili, il nome deriva dalla parola francese "d˘me" che significa cupola. Inoltre, le due imponenti torri non hanno mai avuto una funzione religiosa, le rispettive chiese si trovano accanto.

Il Franz÷sischer Dom fu costruito tra il 1701 e il 1705, inizialmente senza la torre che fu, come anche quella del Duomo tedesco, aggiunta solo nel 1785. Le due torri avevano l'unico scopo di dare un aspetto pi¨ monumentale alla piazza. La chiesa era dedicata alla comunitÓ religiosa degli ugonotti arrivata a Berlino dalla fine del '600. In seguito alle sanguinosi persecuzioni religiose da parte del re della Francia circa 40.000 ugonotti fuggirono nei territori tedeschi. Il re della Prussia ne accolse ca. 20.000, non solo per motivi umanitari: gli ugonotti erano nella maggioranza persone con un'alta formazione professionale e culturale e diedero un importante contributo allo sviluppo economico e culturale di Berlino.

Oggi, il Franz÷sischer Dom ospita un museo dedicato alla storia degli ugonotti. La piccola chiesa accanto Ŕ usata invece da tre comunitÓ luterane per le loro funzioni religiose.
Gendarmenmarkt, Deutscher Dom
Deutscher Dom (duomo tedesco) e Konzerthaus
foto: Andre Huppertz

Deutscher Dom (duomo tedesco):

Poco dopo la costruzione del Franz÷sischer Dom fu costruito anche il Deutscher Dom (1701-1708), anch'esso inizialmente senza torre che fu aggiunta nel 1785. Oggi l'edificio Ŕ di proprietÓ dello stato che ha allestito al suo interno la mostra "Wege, Irrwege, Umwege. Die Entwicklung der parlamentarischen Demokratie in Deutschland" (Strade e percorsi sbagliati. Lo sviluppo della democrazia parlamentare in Germania) che, dalla sua apertura nel 2002, Ŕ stata visitata da milioni di visitatori.
Gendarmenmarkt, Konzerthaus (sala dei concerti)
Konzerthaus (sala dei concerti)
foto: Manfred BrŘckels

Konzerthaus (sala dei concerti):

Il primo edificio in questo luogo fu un piccolo teatro per le commedie francesi, costruito alla fine del '700 ad opera dell'architetto Carl Gotthard Langhans che fece costruire anche la Porta di Brandeburgo. Nel 1817 questo teatro fu distrutto da un incendio e fu il famoso architetto Karl Friedrich Schinkel a ricostruire e ingrandire il teatro in stile neoclassico (1821).

Durante la seconda guerra mondiale il teatro fu distrutto, come del resto anche tutti gli altri edifici intorno alla piazza, compresi i due "duomi". Durante la ricostruzione, la facciata esterna fu restaurata in forma originale, mentre gli interni furono completamente cambiati, pur mantenendo lo stile di Schinkel, perchÚ il palazzo non doveva pi¨ servire come teatro, ma come sala per i concerti.

Il monumento a Friedrich Schiller
foto: Norbert Aepli

Il monumento a Friedrich Schiller:

Entrando nella piazza da una delle strade laterali, la statua di Friedrich Schiller sembra piccola, nei confronti dei maestosi palazzi che contornano la piazza. Ma avvicinandosi, andando verso il centro della piazza, la statua di Schiller comincia ad assumere la sua vera importanza per l'insieme architettonico del Gendarmenmarkt. La sua posizione, proprio al centro della piazza e davanti al Konzerthaus, e l'espressione orgogliosa della figura di Schiller che sembra stare al di sopra delle cose terrene, rivolto a un mondo pi¨ elevato, conferiscono a questa statua la sua giusta dignitÓ.

La statua Ŕ opera di Reinhold Begas, scultore di vari altri importanti statue a Berlino (p.e. quella di Bismarck vicino alla colonna Siegessńule). La costruzione fu iniziata nel 1859, nel centenario della nascita di Friedrich Schiller, e terminata nel 1871. Tra il 1871 e il 1936 il Gendarmenmarkt si chiamava "Schillerplatz", il che sottolinea ulteriormente l'importanza della statua.

Per sapere di pi¨ su Schiller vedi: Friedrich Schiller

Il "Berlin-Pass" - a tariffa agevolata!

Dove soggiornare a Berlino?

Trasferimenti in taxi da e per gli aeroporti di Berlino:

Prenotare online i biglietti per saltare le code:

Guide turistiche e carte stradali di Berlino:

Commenta questa pagina:

Finora non ci sono commenti ...

Scopri tutte le altre pagine su:

Consigli:

Iscriviti gratuitamente alla newsletter:

Tutti i capitoli di www.viaggio-in-germania.de:

Tutte le cittÓ e regioni della Germania  Tutti i servizi per il vostro viaggio in Germania  SocietÓ, politica ed economia  Come sono i tedeschi?  Vivere e lavorare in Germania
Lingua tedesca  Letteratura tedesca  Arte, cultura, filosofia, scienza  Cinema tedesca  Musica tedesca  Storia della Germania  Germania-Shop

Copyright, privacy, contatto